rotate-mobile
Calcio

Calcio, Serie D Girone E, Città di Castello: il presidente torna a parlare

Paolo Cangi, massimo dirigente dei tifernati, pensa al futuro e non esclude il possibile ripescaggio

Dopo quasi due settimane dal ‘dramma’ sportivo di una retrocessione inaspettata, per di più da ultima in classifica e con un girone di ritorno da incubo, torna a parlare il presidente del Città di Castello, Paolo Cangi (fonte Ufficio Stampa AC Città di Castello): “la Società riparte convinta: certo ferita per quanto avvenuto, ma col giusto entusiasmo e voglia di far bene. Entro la prossima settimana sarà definito l'organigramma tecnico, che renderemo noto perché la città, i tifosi, hanno bisogno di fatti e certezze. E noi intendiamo darle, senza riserve. Resta con me anche Piero Mancini, sempre vicino con i suoi preziosi consigli e con una saggezza calcistica che non può essere messa in discussione; è il primo sostenitore della causa Città di Castello e siamo felici che sia con noi. Non abbiamo tempo, né voglia, di piangerci addosso, dato che va superato in tempi rapidi l'imprevisto intoppo lungo il nostro percorso, con la meta finale, sempre all'orizzonte, di portare questa città nel calcio che conta. Come merita”.

Si parla di futuro, quindi, ma non si può non tornare sulla retrocessione e, soprattutto, sul modo in cui è giunta: “intanto mi assumo per intero la responsabilità del fallimento sportivo: eravamo partiti ottimamente, poi da dicembre son venuti meno certi equilibri ed io, forse distratto dall'obiettivo di mettere a posto i conti (raggiunto: al 30 giugno saremo del tutto 'puliti' rispetto al pregresso, e consolidati), non mi sono accorto per tempo che la china intrapresa ci avrebbe condotto all'inferno. Poi potremmo dire tante cose: gli innumerevoli infortuni che ci hanno falcidiato, il d.s. Vagaggini che sul più bello ci ha lasciato per motivi personali e di salute, ma sarebbero scuse, abbiamo sbagliato, ho sbagliato, ne paghiamo le conseguenze senza fiatare”.

Visto che il futuro del club è la priorità ed è già in divenire, il presidente Cangi non esclude la possibilità, seppur difficile, di fare domanda di ripescaggio: “difficile, secondo me, ma se sussisteranno le condizioni non ci tireremo certo indietro”.

Sempre a proposito di futuro, è giusto parlare anche del settore giovanile: “lo potenzieremo, avendo ora più tempo per organizzarci rispetto a quando arrivammo. Intanto è confermata sin d'ora la collaborazione con il Madonna del Latte, per noi preziosa, primo 'step' per poter crescere ancora”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, Serie D Girone E, Città di Castello: il presidente torna a parlare

PerugiaToday è in caricamento