Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio

Serie B, Perugia-Frosinone 3-0: doppio De Luca e magia di Olivieri, è un Grifo da paura

Dopo il successo in casa dell'Ascoli i biancorossi sfoderano una prestazione super al Curi e nella 22ª giornata di campionato piegano anche i ciociari, che erano reduci da quattro successi di fila

Dopo il successo in casa dell'Ascoli il Perugia di Alvini sfodera una prestazione super e batte anche il Frosinone (che reduce da quattro vittorie di fila) nella 22ª giornata di campionato.

IL TABELLINO

È il secondo successo consecutivo per il Grifo di Alvini, ripartito alla grande dopo il ko casalingo incassatoa contro il Pordenone nell'ultimo match giocato al Curi e trascinato dal bomber De Luca nel 3-0 rifilato ai gialloblù dell'ex grifone Grosso: un gol in avvio e uno nel finale per il centravanti (9 in 18 presenze totalizzate in campionato) e a una magia di Olivieri (primo gol in biancorosso alla prima da titolare), autore del momentaneo raddoppio al 23' in rovesciata. Pressing, idee e finalmente la giusta 'cattiveria' sottoporto per Angella e compagni, che sembrano pronti a spiegare le ali e a prendere il volo per 'artigliare' i playoff. Un traguardo difficile ma non impossibile per il Grifo di oggi.

Perugia-Frosinone 3-0, la pagelle del Grifo: De Luca bomber tuttofare, Santoro 'monstre'

LE SCELTE - Diverse novità nel Grifo rispetto alla gara del 'Del Duca': in mediana torna Burrai (fuori Kouan) mentre davanti prima da titolare per il nuovo arrivato Olivieri, preferito a Matos in un 3-4-1-2 in cui Alvini schiera Santoro trequartista mentre a destra Ferrarini vince il ballottaggio con Falzerano. Sull'altro fronte Grosso, reduce da quattro vittorie di fila, recupera l'altro ex grifone Ricci in cabina di regia e davanti schiera Novakovich al centro del tridente, con Garritano che arretra nel ruolo di mezzala.

LA CRONACA 'LIVE'

IL PRIMO TEMPO - Mosse, quelle del campione del mondo consacratosi al Curi al tempo di Gaucci, che non bastano ad arginare l'arrembante avvio del Perugia che schiaccia subito gli avversari: dopo un destro di Burrai deviato in corner a fil di palo, è la traversa a fermare la palla crossata da Lisi con Dell'Orco e De Luca che non riescono poi a ribadire in rete (3'). I biancorossi rischiano al 10', quando viene annullato un gol al ciociaro Zerbin per fuorigioco precedente di Ciano, ma non si spaventano e continuano a spingere sull'acceleratore, asfissiando i gialloblù con un pressing feroce e un atteggiamento aggressivo in ogni zona del campo. E al 15' un'incomprensione tra Szyminski e il portiere Ravaglia spiana la strada a De Luca, che non deve far altro che spingere la palla nella porta vuota sotto la Curva Nord in festa. Il Frosinone accusa il colpo incapace di reagire e al 23' incassa ancora: Ravaglia risponde con una prodezza al tiro di Lisi e sbarra la strada anche a De Luca, ma non può nulla quando Olivieri insacca in rovesciata su cross di Dell'Orco (23'). Avanti di due gol il Grifo abbassa il baricentro ma non smette di 'mordere' gli avversari che concedono spazi alle ripartenze biancorosse, come al 33' quando Szyminski mura De Luca servito da Olivieri (33'). E Chichizola? Quasi inoperoso ma attento su un cross di Ciano deviato da Burrai (7') e su una conclusione di Novakovich che il portiere argentino devia in corner (39').

Perugia-Frosinone 3-0, Alvini: "Vittoria meritata. Santoro trequartista? Ci penso da settembre"

SECONDO TEMPO - Si va al riposo con il Grifo avanti di due gol e tarantolato anche in avvio di ripresa, ma De Luca calcia troppo debole e centrale da buona posizione (49'), favorendo la parata di un Ravaglia  reattivo poco dopo anche sul destro di Olivieri bravo a liberarsi in area di Lulic (51'). Grosso prova a fare allora la rivoluzione e passa al 3-4-3 con un triplo cambio dentro (Canotto, Boloca e Cicerelli al posto di Lulic, Ciano e Zampano al 55') ma trema ancora quando Olivieri manca di un soffio la deviazione vincente su un cross in verticale di Lisi (66'). La gara potrebbe prendere unìaltra piega al 67' ma sul cross di Canotto il centravanti ospite Novakovich spedisce incredibilmente fuori di testa a porta vuota. Alvini cerca nuove energie con Matos e Beghetto al posto di Olivieri e Lisi (68') e il suo Grifo mostra compattezza e di saper soffrire, senza disdegnare di andare a cercare il colpo del ko con Sgarbi, che su punizione di Burrai impegna Ravaglia di testa. Grosso si gioca anche la carta Charpentier (fuori Garritano all'80') sul quale Sgarbi fa però buona guardia (82'), mentre dopo un intervento di Ravaglia sul vivacissimo Matos ci pensa De Luca - servito di testa da Koaun (entrato nel finale con Rosi e D'Urso) a far calare il sipario sulla sfida con il destro (89'). Tris servito e Curi in festa, con il Perugia che fa il pieno di entusiasmo in vista dell'imminente tour de force di campionato (due infrasettimanali in arrivo).

Continua a leggere >>>

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Perugia-Frosinone 3-0: doppio De Luca e magia di Olivieri, è un Grifo da paura
PerugiaToday è in caricamento