menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Rometti

L'assessore Rometti

Crisi idrica, Rometti a gestori e ATI: "Ci sono 4,5 mln per perdite rete"

L'assessore Rometti ha incontrato i presidenti degli ATI e i rapprentanti dei gestori del Servizio idrico regionale per far fronte alla situazione di emergenza dell'acqua

L’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti, ha convocato stamani nella sede dell’assessorato a Perugia, i presidenti degli “ATI” e i rappresentanti dei gestori del Servizio idrico regionale, con l'obbiettivo di far fronte alla crisi idrica attraverso la messa in campo delle iniziative e dei progetti previsti dal Piano regionale di interventi per l’emergenza idrica 2012.

 Per mitigare gli effetti negativi che la mancanza di precipitazioni ha sugli approvvigionamenti idropotabili, sull’irrigazione e sull’ambiente, l’assessore Rometti ha sollecitato gli ATI ad avviare i percorsi previsti dal Piano regionale: “Considerata la difficile situazione – ha detto -  la Giunta regionale intende monitorare e sollecitare gli interventi previsti dal Piano per cui sono stati destinati 4,5 milioni di euro dai fondi FAS, finalizzati alla riduzione delle perdite in rete e al potenziamento del sistema acquedottistico”.

Per quanto riguarda la riduzione delle perdite in rete, Rometti ha informato che “il 6 di agosto il ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’avvio degli interventi per la ricerca e la riparazione di quest’ultime e il conseguente utilizzo dei 4 milioni 500 mila euro”.

Proprio per questo gli ATI sono stati invitati ad accelerare le fasi relative all’attuazione dei propri interventi. Tra questi, quelli ammessi a finanziamento in quanto riconosciuti prioritari, sono: per l’ATI 2 gli interventi relativi al collegamento di Massa Martana all’acquedotto della Media valle del Tevere per un importo di 850 mila euro e il potenziamento della rete di distribuzione DN 300 di Ascagnano e la rete di distribuzione Solfagnano-Resina per un importo di 350 mila euro; per quanto concerne l’ATI 3, gli interventi prevedono la realizzazione di un nuovo pozzo a Capodacqua con il relativo collegamento alla rete e la realizzazione di un nuovo acquedotto a S. Giovanni; mentre nel territorio dell’ATI 4 è prevista la realizzazione di un nuovo acquedotto nel Comune di Acquasparta, nonché il potenziamento e l’adeguamento della stazione di pompaggio in località Colle Capretto nel Comune di San Gemini.

Tempi brevi per gli interventi. ”Per tutti questi interventi – ha sottolineato Rometti – ci si aspetta in tempi brevi, l’avvio della fase attuativa”.  Nel corso dell’incontro l’assessore ha ricordato che il Piano regionale prevede l’attivazione delle azioni necessarie a mettere in esercizio gli acquedotti già realizzati e l’accentuazione delle azioni di controllo di Provincie, Comuni e Autorità d’Ambito affinché si evitino usi impropri della risorsa idrica.

Concludendo l’incontro l’assessore ha evidenziato che “malgrado il difficilissimo periodo climatico, l’Umbria sta fronteggiando abbastanza bene la situazione anche grazie alla decisione assunta con largo anticipo dalla Giunta regionale, di richiedere al Governo lo stato di emergenza idrica che ha consentito l’adozione di procedure più snelle e veloci per la gestione della situazione attuale caratterizzata da un alto livello di sofferenza dei fiumi, delle falde e degli invasi umbri.
 
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento