Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Un database per monitorare e migliorare la vita quotidiana dei disabili in Umbria

La proposta in consiglio regionale per istituire un tavolo per la creazione dell'anagrafe digitale regionale

Monitorare la disabilità in Umbria attraverso la tecnologia e un database completo, creando così un registro anagrafico delle persone disabili che vivono nella regione.

E' quanto chiede Paola Fioroni, consigliere regonale della Lega e vice presidente dell’Assemblea legislativa, secondo la quale "è necessario intervenire a livello regionale al fine di rendere accessibili e fruibili i dati che riguardano la disabilità, favorendo l’interoperabilità fra i diversi sistemi di raccolta per permettere una programmazione ed una valutazione reale delle politiche attive e delle risposte poste in essere sul
territorio".

La proposta andrebbe ad introdurre "dei parametri importanti di riferimento per le azioni volte alla completa inclusione sociale delle persone disabili, i cui diritti debbono essere al centro di previsioni presenti e future - spiega Fioroni - Proprio per questo non si può prescindere dal poter avere un flusso di informazioni sempre coerente con la realtà per poter elaborare strategie, confronti e validare qualsiasi politica che riguardi la condizione familiare, il diritto alla salute, all’istruzione, al lavoro, al tempo libero".

Una necessità anche alla luce di quanto avvenuto con l'emergenza sanitaria da Coronavirus che ha sconvolto la quotidianità, introducendo cambiamenti negli stili di vita, soprattutto nelle persone persone con disabilità.

Gli strumenti proposti servirebbero a rendere omogenee ed integrate le informazioni statistiche, amministrative e sanitarie sugli aspetti clinici, patologici, economici, sociali, sulla situazione di barriere architettoniche e a problemi legati alla mobilità personale, attività ludico-sociali-sportive.

"A tal fine abbiamo richiesto alla Giunta, grazie anche alla sensibilità dell’assessore Coletto riguardo il tema, di istituire in ambito regionale un gruppo di lavoro costituito dall'assessorato al Welfare – conclude Fioroni - Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità, Umbria Digitale, Usl e Inps che armonizzino e condividano i flussi informativi relativi alle persone con disabilità, permettendo così una reale mappatura sul territorio umbro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un database per monitorare e migliorare la vita quotidiana dei disabili in Umbria

PerugiaToday è in caricamento