menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salernitana-Perugia, le formazioni: ballottaggio Parigini-Spinazzola, Zebli confermato

Ovviamente il silenzio da parte dell’allenatore biancorosso non aiuta a prevedere la formazione del Grifo. In difesa l’unico dubbio dovrebbe essere legato alla posizione di terzino sinistro: Alhassan non è al massimo della forma

Niente conferenza stampa pre-partita per Pierpaolo Bisoli, le motivazioni sono di tipo logistico (la squadra si è allenata a Roma nella giornata di giovedì e di venerdì, riprendendo poi il tragitto per Salerno), ma c’è chi scommette che questa sia una mossa per non dare punti di riferimento all’avversario. Il match odierno ha infatti una valenza decisiva per i biancorossi: la vittoria nel derby ha ridato vita a un ambiente sfiduciato, il pareggio interno con il Cagliari, pur rimarcando le carenze in fase d’attacco, ha dimostrato che questa squadra può competere ad armi pare contro chiunque. Ora però servono 3 punti per riprendere il cammino verso la parte sinistra della classifica, quella della zona playoff. Ci si attende un clima teso a Salerno: le forze dell’ordine si sono organizzate adottando misure di sicurezza straordinarie per impedire che le due tifoserie – grandi rivali dagli anni ’90 a questa parte – vengano a contatto.

Rebus formazione – Ovviamente il silenzio da parte dell’allenatore biancorosso non aiuta a prevedere la formazione del Grifo. In difesa l’unico dubbio dovrebbe essere legato alla posizione di terzino sinistro: Alhassan non è al massimo della forma e Bisoli potrebbe puntare ancora su Comotto, certamente più attento in fase difensiva. Scelte obbligate sulla mediana: Rizzo e Salifu sono fuori dai giochi, rientreranno per la sfida casalinga con il Lanciano, e a sostituirli troveremo Della Rocca e Zebli, rivelazione della settimana dopo le due ottime prestazioni nel derby e con i sardi. Occhio poi a Taddei, rientrato in gruppo dopo un lungo periodo di problemi fisici. Dietro ad Ardemagni le scelte più complesse: martedì sera Fabinho (ex di giornata) ha giocato solo 45 minuti e potrebbe partire ancora una volta dall’inizio. Sulla fascia opposta sarà bagarre tra Parigini e Spinazzola, con il torinese che parte favorito. Dopo il turno di squalifica rientrerà anche Davide Lanzafame che si sistemerà nella posizione di trequartista.

Torrente all’attacco – Anche la prima parte della stagione salernitana non è stata delle migliori. I granata hanno racimolato solo 10 punti, con ben 16 gol subiti – peggior difesa della B dopo quella del Como. Per questa ragione l’allenatore Vincenzo Torrente dovrà ancora una volta puntare sull’attacco per cercare di portare a casa l’incontro: l’ex tecnico di Gubbio e Bari adotterà un 4-3-3 offensivo affidandosi al tridente Gabionetta, Coda, Troianiello. In difesa le scelte sono praticamente obbligate: Colombo e Rossi saranno i terzini, Lanzaro ed Empereur i centrali. Stesso discorso per il centrocampo, orfano dello squalificato Moro e dell’infortunato Bovo: al centro della mediana capitan Pestrin, ai suoi fianchi agiranno il giovane Odjer e Daniele Sciaudone, ancora in fase di ambientamento a Salerno.

PROBABILI FORMAZIONI

SALERNITANA (4-3-3): Strakosha; Colombo, Lanzaro, Empereur, Rossi; Sciaudone, Pestrin, Odjer; Troianiello, Coda, Gabionetta. All.: Vincenzo Torrente.

PERUGIA (4-2-3-1): Rosati; Del Prete, Volta, Belmonte, Comotto (Alhassan); Della Rocca, Zebli; Fabinho, Lanzafame, Parigini (Spinazzola); Ardemagni. All.: Pierpaolo Bisoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento