menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frosinone-Perugia 2 a 1 - Le pagelle del Grifo: promossi e bocciati

Koprivec: Leggermente fuori dai pali in occasione del primo gol del Frosinone: Goldaniga devia il tiro di Dionisi e il portiere biancorosso non riesce ad opporsi a dovere. Nulla può sulla rete di Frara, lasciato completamente libero dalla retroguardia perugina. Voto: 5,5

Goldaniga: Qualche disattenzione di troppo, rischia il fallo da rigore nel primo tempo ma Maresca lo grazia. Nella ripresa si fa male a una spalla e Dionisi può dilagare, così come il non giovanissimo Frara che viene lasciato completamente libero di andare a siglare il raddoppio. Voto: 5

Giacomazzi: Errore sanguinoso al quarto d’ora che regala a Dionisi il pallone per portare in vantaggio il Frosinone. Poi alcuni buoni interventi, ma Camplone lo toglie a inizio ripresa. Voto: 4,5 (dal 1’st Baldan: Debutto complicato per il difensore ex Nocerina che perde la marcatura di Carlini: l’esterno del Frosinone fallisce il bersaglio di un nulla, andando a colpire il palo. Voto: 5,5)

Comotto: Rientra da titolare per sostituire lo squalificato Hegazy, ma non gioca un gran match. Il capitano del Grifo è nervoso e Dionisi lo fa soffrire in diverse occasioni. Voto: 5,5

Faraoni: Uno dei pochi a salvarsi nella sconfitta di oggi. Sulla destra assicura sempre una buona spinta e mette diversi cross interessanti, mal sfruttati dalle punte. La buona prestazione del terzino viene impreziosita dal suo primo gol in biancorosso. Peccato che serve solo a illudere i tanti tifosi del Perugia arrivata al “Matusa”. Voto: 6,5

Rizzo: Il più attivo a centrocampo tra i perugini. Dà il solito contributo in fatto di corsa e di interdizione, prova in un paio di occasioni la conclusione, ma senza successo. Cerca allora di trasformarsi in uomo-assist: l’attacco del Grifo però non gira e le sue iniziative non vengono finalizzate a dovere. Voto: 6

Taddei: Messo in campo da Camplone per dare una giornata di riposo a Fossati. Scelta quanto mai sbagliata: l’ex romanista non sa fare il regista, va in grande difficoltà sul pressing della mediana frusinate e non è mai preciso nelle conclusioni. Giocatore sul viale del tramonto. Voto: 4,5

Verre: Non si illumina come nelle precedenti prestazioni. Ha qualche buona opportunità per provare il tiro dalla distanza ma non è serata. Stellone ha studiato bene le mosse del suo omologo e impedisce al talentino ex Roma di trovare i giusti tempi per gli inserimenti. Voto: 5,5 (dal 37’st Parigini: s.v.)

Vinicius: Quando Camplone lo ha nominato in conferenza stampa sembrava quasi spaventato dall’idea di metterlo in campo al posto di Crescenzi. E in effetti non aveva tutti i torti. Il terzino della Lazio non è adatto al Perugia (o semplicemente non è adatto alla categoria), Manuel Ciofani lo contrasta sempre bene e non riesce mai a mettere dei cross veramente pericolosi. Voto: 5

Fabinho: La lunghezza del campo del Frosinone – non certo San Siro per dimensioni – non favorisce le qualità del brasiliano. I ciociari usano le maniere forti per imbrigliarlo sulla trequarti e non lasciarlo partire in velocità. Alla fine Camplone capisce che è meglio risparmiarlo per il prossimo impegno casalingo e lo sostituisce. Voto: 5 (dal 16’st Ardemagni: Prova a dare maggior peso all’attacco perugino ma i due centrali del Frosinone riescono a contenerlo. Voto: 5,5).

Falcinelli: Poteva essere una grande chance per l’attaccante ponteggiano per dimostrare di meritare ancora un posto da titolare. La difesa però lo imbriglia benissimo, il 23enne passa più tempo in terra che a ridosso della porta di Zappino e alla fine il suo tabellino personale recita “zero conclusioni”. Voto: 4,5

Camplone: Cerca di risparmiare qualche energia in vista del doppio impegno casalingo ma il risultato è quello di una squadra che sembra essere tornata ai livelli di un mese fa. Poche idee a centrocampo, pesantissima l’assenza di Fossati, lasciato a riposo per salvaguardare il suo fisico di cristallo, male l’attacco che senza Ardemagni ha fatto fatica a tenere alta la squadra e a concludere a rete. Ora c’è bisogno subito di ripartire, mancano ancora 11 punti per raggiungere la quota salvezza ed è giusto rimanere con i piedi ben saldi al terreno. Voto: 5

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento