Elezioni, Chef Vissani non è Rubio: "Il cambiamento fa bene all'Umbria. E su Salvini vi dico..."

"Non sono schierato politicamente ma sono contento perché l'Umbria aveva bisogno di un cambiamento forte che noi aspettiamo come manna dal cielo"

C'è Chef e Chef. C'è lo Chef del cibo di strada, c'è lo Chef che di strada ne ha fatta tanta. C'è lo Chef che dà dei peracottari agli umbri - perchè non hanno votato come avrebbe voluto lui, ed ha aggiunto anche la parola razzisti -, c'è lo Chef che ha sempre lanciato nel mondo l'Umbria e da uomo libero rispetta la voglia di cambiamento espressa dagli elettori nelle urne lo scorso 27 ottobre. Uno si chiama Rubio, l'altro è lo Chef pluristellato che risponde al nome di Gianfranco Vissani, umbro doc. La differenza non è solo in cucina, ma anche nello stile.

Vissani, chiamato dall'agenzia stampa Adnkronos,ha commentato con serenità il voto: "Non sono schierato politicamente ma sono contento perché l'Umbria aveva bisogno di un cambiamento forte che noi aspettiamo come manna dal cielo": ha riferito alla giornalista Alisa Toaff.

"Noi non siamo solo una porziuncola, non siamo solo Assisi e la Basilica di San Francesco, non siamo radical chic, abbiamo bisogno di risolvere il problema del lavoro, della sanità e dobbiamo aiutare le imprese a risollevarsi. Salvini è un amico -prosegue lo chef umbro- noi speriamo in lui e in un futuro migliore per l'Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ha aggiunto rispondendo alle parole non rispettose del Premier Conte che ha paragonato l'Umbria ad una provincia pugliese: "Ha detto che l'Umbria ha la stessa popolazione della provincia di Lecce. Siamo 850mila persone, abbiamo avuto un terremoto e stiamo ancora aspettando che si risolva il problema delle case per i terremotati. Noi non siamo solo una porziuncola, non siamo solo Assisi e la Basilica di San Francesco, non siamo radical chic, abbiamo bisogno di risolvere il problema del lavoro, della sanità e dobbiamo aiutare le imprese a risollevarsi. Salvini è un amico noi speriamo in lui e in un futuro migliore per l'Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento