Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Umbria, donne disabili doppiamente discriminate: approvata la proposta di legge per la parità

Peppucci (Gruppo misto): "La Regione Umbria fa un passo in avanti rispetto al riconoscimento di un fenomeno che è da sempre sottovalutato"

Il consiglio regionale dell'Umbria ha approvato con i 12 voti favorevoli della maggioranza la proposta di legge “Modificazioni ed integrazioni alla legge regionale ‘14/2016’ (Norme per le politiche di genere e per una nuova civiltà delle relazioni tra donne e uomini)”, di iniziativa dei consiglieri Francesca Peppucci (prima firmataria-Gruppo misto) e Daniele Carissimi, Paola Fioroni, Stefano Pastorelli, Valerio Mancini (Lega). I gruppi di minoranza non hanno partecipato al voto "perché, pur non essendo ostili a intervenire sul tema", ritenevano "necessario un ulteriore passaggio in Commissione, viste le contrarietà espresse dal Centro pari opportunità". 

Per la prima firmataria "la Regione Umbria fa un passo in avanti rispetto al riconoscimento di un fenomeno che è da sempre sottovalutato e che interessa decine di donne con disabilità. Una proposta di legge che vede l’introduzione di misure volte a contrastare la discriminazione multipla a cui sono soggette donne con disabilità ed a promuovere anche per loro la parità di genere".

E ancora: "I casi crescenti di discriminazione – prosegue Peppucci - evidenziano che le donne con disabilità sono discriminate non solo rispetto alle donne che non hanno disabilità, ma anche rispetto ad un uomo con disabilità, nei diversi ambiti della vita. Gli interventi approvati dall'Assemblea regionale vanno nella direzione del riconoscimento del diritto al lavoro, diritto alla salute, diritto alla sessualità, alla genitorialità, al contrasto di qualsiasi forma di violenza, sia fisica che psichica. La legge va a modificare alcuni articoli di una disposizione regionale già esistente, quella sulle politiche di genere, che non contemplava in alcun modo la figura della donna con disabilità. Il percorso fatto in Commissione consiliare, che ha trovato il suo completamento oggi in Aula, è alla base della tutela dei diritti delle persone con disabilità, in particolare delle donne con disabilità e dimostra la sensibilità, la consapevolezza e il senso di responsabilità verso chi subisce discriminazioni".

"Purtroppo – conclude Peppucci - la legge non ha trovato il voto favorevole di tutte le forze politiche presenti in Aula, ma solo della maggioranza. È stata persa una grande occasione da parte dell'Assemblea legislativa dell'Umbria nel dimostrare che è necessario quel cambio di cultura rispetto al mondo della disabilità che sempre è invocato e troppo spesso non attuato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, donne disabili doppiamente discriminate: approvata la proposta di legge per la parità
PerugiaToday è in caricamento