menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos Sanità, il Movimento 5Stelle non molla: "Veglia per la democrazia"

Grillini all'attacco del Pd: "Trattano il consiglio regionale come un'appendice, seduta sconvocata a loro piacimento"

Prima la notizia: “A seguito delle recenti nomine dei vertici della Sanità che hanno dato origine a forti scosse telluriche all'interno del Partito Democratico, forti a tal punto da portare alle dimissioni dell'assessore al ramo, la seduta di Consiglio prevista per martedì prossimo è stata sconvocata per l'annunciata assenza di tutti i componenti della coalizione di maggioranza, a motivo di "improrogabili impegni" degli interessati”. La nota del Movimento 5Stelle si apre così. Argomento del giorno per i pentastellati – e non solo – la crisi di Giunta e il caos sulle nomine della sanità in Umbria. “Il Partito Democratico, così come fa altrove – prosegue il M5S - , usa questa storica Assemblea quale sua appendice. Il blocco istituzionale cagionato si registra peraltro in un momento fitto di impegni, legati anzitutto all'iter del documento di programmazione economica. Se le Commissioni proseguono il proprio lavoro, l'Aula è dunque ferma, trattata come una sinecura”.

E allora, che fare? I grillini chiamano a raccolta “attivisti, simpatizzanti e cittadini che hanno a cuore le Istituzioni repubblicane e il loro funzionamento”. Per fare cosa? “Lunedì sera, 29 febbraio, dalle ore 19 alle 19,30, ci ritroveremo sotto Palazzo Cesaroni, in Piazza Italia a Perugia. Saremo in molti, con candele e lumini accesi, a evocare lo stato comatoso di un'istituzione morente. Sarà una vera e propria veglia per la democrazia”.

Conclusione dei pentastellati in consiglio regionale: “Dopo aver portato il caso all'attenzione penale della Procura della Repubblica di Perugia; dopo aver presentato numerose interrogazioni su 'percorsi costruiti' e 'ricatti'; dopo aver richiesto l'audizione del Magnifico Rettore alla luce del malessere espresso pure dall'Università; dopo aver ascoltato personale medico e paramedico; dopo aver denunciato 'fisicamente' barelle in corsia e chilometriche liste di attesa, oggi riteniamo opportuno continuare nell'azione di difesa delle nostre Istituzioni -e della nostra Sanità- dai reiterati assalti affaristici e lottizzatori condotti dai vecchi partiti: per questo stavolta accenderemo un piccolo lume quale segno di speranza, di resipiscenza, di resistenza democratica nel buio della notte. Ancora e sempre dalla parte dei cittadini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento