Drone si schianta sulla Fontana Maggiore, Pavanelli (M5s): "Esposto ad Enac e al Mibact"

A un mese e mezzo di distanza il caso tiene ancora banco. La portavoce umbra del M5s al Senato: "Ho chiesto ad Enac e al Mibact di accertare eventuali danni al monumento simbolo di Perugia"

Un drone sulla Fontana Maggiore, con il rischio di deturpare uno dei monumenti più importanti di Perugia. E il caso, a un mese e mezzo di distanza, fa ancora discutere: “Ho inviato un esposto ad Enac e al Mibact in merito al drone radiocomandato che, lo scorso 27 dicembre, ha urtato contro la Fontana Maggiore capolavoro della scultura medievale e simbolo della città e della sua storia - riferisce Emma Pavanelli, portavoce umbra del M5s in Senato -. Ho chiesto ai due enti, ciascuno per le rispettive competenze, che vengano accertati se ci sono stati danneggiamenti ai danni del monumento in piazza IV Novembre e di verificare eventuali violazioni del divieto di sorvolo per tali dispositivi nei centri storici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I PRECEDENTI - Pochi mesi fa, la polizia locale di Firenze ha denunciato e sequestrato il drone ad un turista che aveva pensato di sorvolare il centro cittadini per fare delle riprese dall’alto, con l’accusa di abusivo di esercizio di navigazione aerea ed inosservanza delle norme sulla sicurezza. “Ecco perché, oltre al divieto di sorvolo - conclude la senatrice - ho chiesto di accertare se chi manovrava il drone avesse una copertura assicurativa per danni a persone o cose adeguata ai rischi connessi al suo utilizzo e se il dispositivo sia stato sequestrato dalla polizia locale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento