menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Umbria ricorda la tragedia dei minatori a Marcinelle: "Emigrarono per dare un futuro migliore ai figli"

Il ricordo commosso istituzionale del presidente del consiglio regionale Marco Squarta e del consiglio provinciale

L'Umbria non dimentica i martiri del lavoro che hanno perso la vita nella miniera di Marcinelle in Belgio ormai 64 anni fa:; morirono 262 minatori di cui 136 italiani, molti dei quali anche di origine umbra. La causa del disastro fu un vasto incendio che divampò all’interno di una miniera di carbone di Bois du Cazier. Quella data è diventata un simbolo con l’istituzione della “Giornata del sacrificio del lavoro degli italiani nel mondo” ricordando tutti i caduti sul lavoro in Italia e all’estero. Il consiglio provinciale di perugia ha voluto tributare un pensiero istituzionale ai martiri.

Dello stesso tenore il ricordo del presidente del consiglio regionale Marco Squarta: "Ricordo in maniera commossa le vittime della tragedia di Marcinelle. Il sacrificio dei nostri connazionali andati a lavorare in un contesto complicato e pieno di insidie con la speranza di offrire un futuro migliore alle loro famiglie merita di essere mantenuto vivo per il futuro nella ricerca continua di migliori opportunità e di sicurezza nei luoghi di lavoro". "La sofferenze degli italiani seri e impegnati che affrontarono con straordinaria dignità le difficoltà per adempiere ai loro impegni". Per Squarta commemorare la tragedia di Marcinelle significa "non dimenticare la storia della nostra emigrazione"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento