Scandalo Gesenu, M5S: "Stop alle decisioni prese dall'alto nelle segrete stanze"

Il Movimento5Stelle ha chiesto di poter prendere parte all'Assemblea dei soci, ricordando che Gesenu è "Cosa dei cittadini"

L'ira che si è scatenata a seguito dell'inchiesta che ha travolto i vertici di Gesenu non sembra ancora essersi placata. Questa volta a tornare nuovamente sulla vicenda è il Movimento5Stelle che, tramite comunicato stampa, rende noto: “Non accetteremo soluzioni prese nelle segrete stanze”.

I pentastellati ricordano, infatti, che il Comune di Perugia, ovvero i cittadini di Perugia, tanto per essere precisi, “possiedono il 45% delle quote Gesenu e che il servizio di igiene urbana svolto a Perugia vale ben 44 milioni di euro su 120 milioni di fatturato della Società (dati bilancio 2014)”

Ed è proprio in virtù di questi dati che, secondo i grillini, “il Comune di Perugia deve prendere le dovute distanze dai soci privati e dalle vicende che li interessano e che rischiano di paralizzare tutte le attività, ma ci danno la grande occasione di riprenderci il servizio e di dare una sterzata nella politica di gestione dei rifiuti”.

Secondo il Movimento5Stelle “un privato che non fa investimenti se non finanziati dal pubblico e dalle tariffe, che non ha rischi di impresa sugli investimenti né sulla riscossione delle morosità, che i perugini anche quest'anno si sono accollati per oltre 3 milioni e quattrocentomila euro, non è un imprenditore, ma un soggetto che utilizza guadagni sicuri, con altrettanti margini di profitto sicuri, per la propria bancabilità e per andare a rischiare altrove”

Ma dopo la critica arriva la richiesta: “Abbiamo chiesto al Sindaco Romizi di poter partecipare all'Assemblea dei soci di venerdì prossimo. Il Sindaco non lasci i cittadini fuori della porta!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo il testo della richiesta inviata dalla consigliera Rosetti al Sindaco Romizi per la partecipazione all’Assemblea dei Soci Gesenu: Gent.le Sindaco, stante la gravità della vicenda Gesenu e stante che il Consiglio Comunale dovrà essere per competenza certamente coinvolto nelle scelte che si profilano per il futuro della Società e del contratto di servizio, con la presente, in qualità di consigliere e capogruppo del Movimento 5 Stelle, anche nell'ottica di dare un contributo alla positiva risoluzione della vicenda, sono a chiedere di poter partecipare come uditore all'Assemblea dei soci della Società Gesenu. Ritengo che la partecipazione dovrebbe essere permessa ai capigruppo che ne facciano richiesta. Sicura dell'accoglimento della presente richiesta, rimango in attesa di un Suo cortese riscontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento