Cronaca

Coronavirus in Umbria: "Ricoveri e decessi riconducibili a soggetti non vaccinati o con comorbilità"

Nella regione nove morti negli ultimi dieci giorni, l'assessorato alla Salute: "La vaccinazione rimane l’arma principale, associata alle cure, per la lotta alla pandemia"

Nove morti da Covid negli ultimi dieci giorni in Umbria, dove "i decessi registrati dal 13 settembre al 21 settembre sono 6 - spiega la Regione -. Nella giornata del 23 settembre sono stati registrati altri 3 decessi di cui uno è avvenuto in precedenza e registrato nella giornata odierna. I deceduti erano tutti affetti da più patologie, 2 di loro non erano vaccinati e uno vaccinato con due dosi".

Green Pass obbligatorio sul lavoro, in Umbria è corsa alla vaccinazione: +34% di prime dosi

Dati che portano l’assessorato regionale alla Salute, guidato da Luca Coletto, a ribadire che "la vaccinazione rimane l’arma principale, associata alle cure, per la lotta alla pandemia. I ricoveri e i decessi registrati negli ultimi mesi infatti, sono sempre riconducibili a soggetti che non hanno ricevuto nessuna dose, oppure si tratta di persone con comorbilità per i quali, come risaputo, la risposta immunitaria al vaccino può risultare insufficiente". 

Coronavirus in Umbria: curva ancora in calo, tra i giovani il maggior numero di contagi

La fascia della popolazione più vulnerabile, come i soggetti trapiantati e fortemente immunocompromessi, a partire dal 20 settembre, anche in Umbria sta ricevendo una dose aggiuntiva di vaccino a completamento del ciclo primario. "Al momento - spiegano infine dal nucleo epidemiologico umbro - nei punti vaccinali ospedalieri del territorio regionale sono state somministrate 552 terze dosi".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Umbria: "Ricoveri e decessi riconducibili a soggetti non vaccinati o con comorbilità"

PerugiaToday è in caricamento