menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giunta comunale, Romizi pronto a calare due assi "rosa": Garibaldi e Severini

Respinte con coraggio le ultime rivendicazioni dei partiti per più posti agli eletti, il sindaco sta finendo di completare la squadra per governare Perugia. Quattro donne e cinque uomini: ecco le ultime indiscrezioni. Domani l'annuncio?

Ultimi ritocchi per la Giunta Romizi che sarà quasi tutta civica e con poco centrodestra nei ruoli apicali. Il sindaco per due volte ha tenuto testa ai partiti - Forza Italia in primis con tanto di documento con richiesta di due assessori - e sabato pomeriggio ha deciso di incontrare di nuovo la coalizione ma esclusivamente per presentare e spiegare i nomi scelti per governare la città. Romizi, anche nei momenti più duri, ha mantenuto la linea: civici, professionisti e qualche politico presentabile. "Vi ricordo che non se non appoggiate la Giunta ce ne andiamo tutti a casa... e le colpe individuali saranno ben visibili dagli elettori che ci hanno dato un messaggio: basta con la solita politica...": ha detto il primo cittadino. 

Nelle ultime ore ha ripreso quota - e ci sarebbe un sì della diretta interessata - un assessorato alla cultura e alla promozione turistica a Vittoria Garibaldi, dirigente della Sovrintendenza ai Beni culturali e soprattutto una delle artefici del grande rilancio e successo del patrimonio artistico del Perugino. 

Altre due donne di peso e di grande valore sono state contattate e avrebbero dato la disponibilità: Teresa Severini Zaganelli, la signora del vino di Torgiano e anche apprezzata scrittrice - l'Uva nel Bicchiere -. Per lei la delega allo sviluppo economico. Terzo donna: si parla della commercialista Cristina Bertinelli ma nelle ultime ore le sue quotazioni sarebbero in leggero calo. 

Il nodo del vice-sindaco (con delega all'ambiente) deve essere ancora sciolto: Barelli in pole, Calabrese o Numerini poco distanti e questi due si giocano anche una "sola" poltrona d'assessore . Sicuro Diego Waguè (politiche scolastiche) ed Emanuele Prisco di Fratelli d'Italia. Zero assessori a Forza Italia - "avete me come rappresentante": ha detto Romizi - e un assessore a Ncd: una donna o il più votato Emanuele Scarponi.

Resiste da almeno 10 giorni il nome di Paolo Vinti, presidente dell'ordine degli architetti, che sarebbe destinato ad essere il super-tecnico per l'urbanistica e il paesaggio. Il presidente del consiglio - prima votazione il 30 giugno - è Leonardeo Varasano (Forza Italia). Se tutto andrà bene la Giunta sarà presentata lunedì nel primo consiglio comunale dell'era Romizi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento