rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Politica

Sciopero bus e treni indetto da Cgil e Cisal, la Lega insorge: "Protesta politica, filo Pd, che penalizza i cittadini. Gli altri sindacati trattano"

L' assessore regionale ai Trasporti, Enrico Melasecche è già intervenuto più volte per ribadire sia la disponibilità della Regione Umbria al dialogo con tutte le parti, sia la volontà di mantenere i livelli occupazionali e assicurare garanzie per lavoratori Savit e diversamente abili

“Migliaia di famiglie umbre penalizzate dallo sciopero dei trasporti deciso da Cgil e Cisal, invito i sindacati a un atteggiamento più responsabile e ad abbandonare ogni velleità politica per intraprendere un confronto costruttivo sul tema”: la denuncia porta la firma del capogruppo regionale della Lega, Stefano Pastorelli, contro l'ennesimo sciopero dei trasporti indetto da Filt Cgil e Faisa Cisal -  nella giornata di oggi - poprio al rientro degli studenti dalle festività natalizie.

"Altro non è che un atto politico avallato dal Partito Democratico - ha continuato l'esponente della Lega - che penalizza migliaia di famiglie umbre già alle prese con le numerose criticità imposte dall’attuale contesto socio-economico. I sindacati hanno abbandonato il tavolo delle trattative e intrapreso una condotta tesa a rigettare ogni possibilità di confronto con l’assessorato competente, al solo scopo di impedire la risoluzione delle criticità ereditate dal passato e mantenere privilegi acquisiti. L’assessore regionale ai Trasporti, Enrico Melasecche è già intervenuto più volte per ribadire sia la disponibilità della Regione Umbria al dialogo con tutte le parti, sia la volontà di mantenere i livelli occupazionali e assicurare garanzie per lavoratori Savit e diversamente abili”.

Pastorelli ha lanciato un appello alla Cgil e Cisal per un atteggiamento di maggiore responsabilità: "lo stesso che in questa fase contraddistingue le
sigle sindacali Cisl e Uil nell’ambito del confronto costruttivo con l’assessorato competente, nel rispetto delle reciproche posizioni – conclude - e nella volontà condivisa di garantire la piena tutela dei diritti dei cittadini umbri e dei lavoratori dei trasporti”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero bus e treni indetto da Cgil e Cisal, la Lega insorge: "Protesta politica, filo Pd, che penalizza i cittadini. Gli altri sindacati trattano"

PerugiaToday è in caricamento