rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica

Sei mesi per progettare e convincere, poi l'eventuale conferma: nominati i nuovi manager della sanità umbra

La Regione e l'Università hanno la stessa visione: un progetto unitario, con stessi obiettivi e servizi, per gli ospedali e l'Usl umbre

Sei mesi per convincere, sei mesi per mettere le basi insieme alla Regione e all'Università per la sanità regionale per i prossimi 20 anni. Se c'è unità di intetti e volontà allora arriverà un contratto più lungo. Ma per adesso niente rapporto blindato a scatola chiusa. E' questo il senso, spiegato sia dalla Presidente Tesei che dal rettore Oliviero, del contratto breve per i nuovi vertici della sanità di casa nostra. I nuovi manager presentati stamani sono: Marcello Giannico per l’Azienda ospedaliera di Perugia, Pasquale Chiarelli per l’Azienda ospedaliera di Terni, Massimo De Fino per Asl 2, Gilberto Gentili, che sarà a capo dell’Usl Umbria 1. Tanti volti nuovi, tanta esperienza in giro per il Paese e un solo confermato (De Fino). Subentrano ad Antonio Onnis, Andrea Casciari e Silvio Pasqui che hanno fronteggiato il periodo complesso dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, in cui tutti hanno dato il massimo per assicurare i risultati ottenuti in Umbria. Ma l'obiettivo della Presidente Tesei era iniziare un nuovo corso, lontano anni luce dal passato e soprattutto senza dover fare scelte politico invece che di curriculum.  

“Tutto il percorso che ha portato a queste scelte, è stato condiviso con il Rettore. Proprio con il Magnifo si sta pensando di riorganizzare la sanità umbra in una visione unitaria e di grande integrazione tra le aziende. Un progetto di largo respiro che si può concretizzare solo se si basa su una forte collaborazione”. L’intento di rafforzare la collaborazione tra Regione e Università ha trovato una concretizzazione nel Memorandum siglato tra le due istituzione che, come ha ricordato il Rettore, “rappresenta una tappa importante che apre a prospettive future e a una nuova fase per questa regione piccola, ma che ha grandi potenzialità e una consolidata tradizione universitaria”. L'assessore Coletto e il direttore regionale alla sanità hanno fissato dei paletti per il nuovo corso: mai più sul territorio regionale singole aziende che si comportano come entità separati, completamente indipendenti.

"Alla base - hanno spiegato - dovrà esserci un progetto condiviso e, a tal fine, gli obiettivi che porteranno avanti i 4 commissari saranno trasversali per ognuno di loro in base alle loro competenze professionali e che hanno acquisito nel loro percorso. In pratica, si creerà un rapporto in rete tra direzione regionale e aziende sanitarie spingendo in maniera forte sul versante della programmazione”.   All’interno di questa cornice il dottor Marcello Giannico si occuperà anche di programmazione economica e finanziaria; il dottor Pasquale Chiarelli, sarà di supporto alla programmazione e pianificazione per il nuovo piano sociosanitario; il dottor Massimo De Fino metterà a disposizione le sue competenze per gli accreditamenti; il dottor  Gilberto Gentili affronterà il tema delle liste d’attesa con particolare attenzione ad evitare disomogeneità tra i territori.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sei mesi per progettare e convincere, poi l'eventuale conferma: nominati i nuovi manager della sanità umbra

PerugiaToday è in caricamento