Crisi in Regione, sindacati contro la politica: "Basta zuffe da cortile e lotte di potere"

Cgil, Cisl e Uil dell'Umbria all'attacco: "Il momento è delicato e non si può più aspettare, serve una riforma dell'intero sistema della sanità"

E venne il giorno in cui i sindacati dell’Umbria se la presero con la politica. E l’accusarono di “giochi di potere e zuffe da cortile”. Casus belli la sanità, la spada di Damocle che penzola su Palazzo Cesaroni, Palazzo Donini e anche Piazza della Repubblica. Cioè cosiglio regionale, giunta Marini e Partito Democratico. Tutto quello che in questi giorni balla e di che lena.

“La crisi di Giunta che si è determinata nella nostra Regione in seguito alla vicenda delle nomine apicali in Sanità sta sostanzialmente bloccando ormai da settimane l’azione istituzionale, in una fase in cui non sono ammessi ritardi o rallentamenti - scrivono Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria - . Non ci si può permettere di proseguire ulteriormente a perdere tempo, assistendo ad un dibattito che resta in gran parte opaco”.

E, giusto per sottolineare che aria tira, “non siamo appassionati ai conflitti di potere, ma ci stanno a cuore le soluzioni ai problemi che affliggono il Sistema Sanitario regionale e che attendono risposte. Ci interesserebbe conoscere e discutere, dunque, le scelte compiute in Umbria sull’allocazione delle risorse per la sanità, avendo, come organizzazioni sindacali, da tempo indicato quelle che sono le priorità nell’interesse dei cittadini e quindi degli utenti. Priorità quali, ad esempio, la necessità di rimodulare gli investimenti tra ospedale e territorio, evitando di alimentare una visione ospedalocentrica; l’arricchimento dell’offerta nella sanità territoriale; la strutturazione e l’ampliamento dell’esperienza delle Case della Salute (una per ogni distretto, senza eccezioni, ed H24). E ancora, la “Medicina di iniziativa”, il rafforzamento dei consultori, l’ampliamento del sostegno alla domiciliarità, per ridurre il ricorso improprio o eccessivo ai ricoveri ospedalieri, e, naturalmente, il fondo per la non autosufficienza. È inoltre necessario fare di più per omogeneizzare la qualità dei servizi, ma anche degli ambienti di lavoro, per superare difformità di diffusione territoriale e di trattamento dei cittadini. Chiediamo di monitorare, in questa ottica, il sistema degli appalti e degli affidamenti, perché laddove almeno il 75% del costo è dato dalla spesa per il personale, occorre la garanzia delle clausole sociali e la scelta non può basarsi sui maggiori ribassi”.

Inoltre, proseguono i sindacati, tutti insieme e particolarmente innervositi dalla politica regionale, “i dati segnalano l’aumento consistente del numero delle persone che in Umbria, nell’ultimo anno, hanno rinunciato a prestazioni sanitarie (visite, accertamenti, interventi chirurgici,) o all’acquisto di farmaci, a causa di motivi economici o carenze delle strutture di offerta, evidenziando un aumento delle diseguaglianze e la crescita della povertà”.

Per questo, “chiediamo di elaborare un piano di fattibilità per allargare le fasce di esenzione, rivedendo i ticket e non aggiungendone altri. Constatiamo che, nonostante gli sforzi organizzativi fatti per contenere le liste di attesa, il problema permane e resta una criticità pesante per le famiglie. Per questo servirebbero maggiori risultati subito, mettendo in sinergia i servizi territoriali e predisponendo percorsi organizzativi diversi e programmati per chi effettua accertamenti per esigenze di prevenzione o di controllo periodico (attraverso la medicina di iniziativa e lo sviluppo dei servizi territoriali)”.

Insomma: fate qualcosa, chiedono i sindacati. “Il momento delicato che vive la nostra regione imporrebbe di parlare e misurarsi nei contenuti, quindi obbligherebbe la politica a superare le zuffe di cortile, per occuparsi dei problemi della popolazione umbra, in sofferenza da anni. Il sindacato, per quanto nelle sue possibilità, è pronto a dare il proprio contributo”. Il giorno è arrivato. E ha portato con sé la grandine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento