Politica

Mercato coperto, il centro sinistra di Perugia: "Siamo sicuri che questa formula avrà successo?"

Sopralluogo al cantiere dei consiglieri di opposizione: "La riqualificazione è una buona notizia ma il vero rilancio non può che passare dalle attività che verranno svolte in questo luogo"

“La riqualificazione dello stabile è un’occasione che non possiamo permetterci di perdere”. Ad affermarlo sono i gruppi di centro sinistra a Palazzo dei Priori dopo la visita al cantiere del Mercato Coperto a Perugia. "Ringraziamo gli uffici del Comune di Perugia per la disponibilità - spiegano i rappresentanti dell'opposizione - e non possiamo che ribadire l’importanza e la strategicità della riqualificazione e del rilancio del Mercato Coperto, operazione alla quale hanno creduto fin da subito gli enti pubblici, a partire dalla Regione Umbria, che già dal 2015 aveva stanziato 5 milioni di euro per la sua riqualificazione".

Mercato coperto, restaurati i due antichi e originari fasci littori: è polemica

Secondo il centro sinistra perugino "la riqualificazione strutturale e il miglioramento del Mercato Coperto costituiscono certamente una buona notizia per la città", ma allo stesso tempo "il vero rilancio di questa struttura non può che passare dalle attività che verranno svolte in questo luogo. Non ci esprimiamo sulla cordata che si è aggiudicata lo spazio, ma quel che è certo è che le attività che verranno svolte all’interno del Mercato Coperto avranno un ruolo centrale per il rilancio della struttura e per il successo della riqualificazione dello stabile".

Secondo le opposizioni sono "tante ancora le domande inevase. Un Mercato Coperto a Perugia sulla scia di quelli di Firenze e Bologna, avrà lo stesso successo a Perugia, anche in virtù delle caratteristiche della città? Come sarà integrato con il complesso degli Arconi, riqualificati (male) e ancora senza destinazione? E gli spazi esterni, come la Loggia dei Lanari, come saranno valorizzati? Tutte domande che attendono ancora una risposta". 

Altro tema importante è quello legato alle attività commerciali già presenti al Mercato Coperto prima della chiusura dello stesso, che "hanno il diritto di tornare ad occupare quegli spazi, oltretutto rinnovati e più funzionali rispetto al passato. Ma oltre al Mercato Coperto, ci sono le sale limitrofe ad esso che devono essere valorizzate e rilanciate, a partire dalla Loggia dei Lanari, che non può continuare ad essere un luogo chiuso alla cittadinanza, ma che deve avere una destinazione coerente con la tipologia e la storia di quella sala, ripensata anche in funzione delle attività culturali presenti in città, e non necessariamente a fini commerciali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato coperto, il centro sinistra di Perugia: "Siamo sicuri che questa formula avrà successo?"

PerugiaToday è in caricamento