Lega all'attacco: "Gentiloni dà i soldi ai rifugiati e nega i fondi ai padri separati di Perugia"

I parlamentari della Lega esprimono solidarietà a Don Rocchetta: "Fermiamo la guerra tra poveri"

Eco nazionale. “Priorità invertite nella guerra tra poveri: il Governo rifiuta di sostenere le strutture di volontariato che si prendono cura dei genitori separati per non distogliere i finanziamenti per gli immigrati”. I parlamentari Lega Umbria, Simone Pillon Virginio Caparvi, , Luca Briziarelli, Riccardo Augusto Marchetti, Donatella Tesei con il Segretario nazionale per l'Umbria, Stefano Candiani, esprimono solidarietà e vicinanza al centro "Casa della tenerezza" diretto da Monsignor Carlo Rocchetta che, dopo anni di vane istanze, si è visto rigettare da Palazzo Chigi la richiesta di finanziamenti pubblici per la ristrutturazione di sei locali da destinare a genitori separati in difficoltà.

E la Lega va all'attacco: “Un Governo attento alle reali necessità della società civile e capace di essere vicino ai cittadini dovrebbe garantire la piena espressione del ruolo genitoriale, la prosecuzione di un'esistenza dignitosa e il recupero dell'autonomia abitativa anche in caso di separazione, sostenendo le strutture di volontariato in prima linea su questa emergenza sociale. Il programma di governo della Lega intende ripartire dagli ultimi e i genitori separati sono purtroppo spesso tra questi".

E la politica del Carroccio è sia nazionale che regionale: "Il segretario federale Matteo Salvini è intervenuto più volte  richiamando il dramma sociale vissuto da oltre 5 milioni di genitori separati, spesso padri, ridotti sul lastrico e costretti a pagare assegni, mutui e affitti con un solo stipendio. In Umbria grazie all’intervento dei consiglieri Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini, la condizione sociale di genitori separati è diventata un credito aggiuntivo nella graduatoria delle case popolari. Quanto accaduto in Umbria dovrebbe far riflette sulle conseguenze di un uso ideologico delle risorse pubbliche che ha innescato una vera e propria guerra tra poveri.  Secondo Eurostat l'Italia è un Paese con elevati tassi di povertà e  la separazione o il divorzio sono spesso tra le cause di indigenza.  Dobbiamo risolvere i problemi veri della gente - concludono i parlamentari della Lega – e attuando il nostro programma di governo cambieremo le regole dell'assegno divorzile e cercheremo le risorse per aiutare associazioni, come quella di don Carlo, a prendersi cura dei genitori separati a rischio povertà”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 9 agosto: altri 7 nuovi casi, stabili i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento