menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In mille per la cena del Natale Tricolore con Giorgia Meloni: "Prima gli italiani, punto e basta. Sostegno alla natalità: non ci sostituiranno..."

La neo mamma Giorgia Meloni è arrivata un'ora prima della cena degli auguri di Natale per abbracciare il suo popolo umbro e fare il punto della situazione - prossime elezioni politiche a marzo - per le liste 2018

Mille persone. Prenotazioni da tutta l'Umbria. Neanche ai tempi della fu Alleanza Nazionale negli anni '90 quando in Umbria sfiorò il 20 per cento. Fratelli d'Italia a Perugia come nel resto della regione ha messo radici, ha riacceso gli animi di una destra sociale e nazionale che ha rischiato fortemente di scomparire per via di Fini, della Casa di Montecarlo e dell'abbraccio mortale con l'allora Popolo della Libertà. Mille persone all'Hotel Quattro Torri anche per tributare il proprio affetto e stima all'unica leader donna di un movimento politico di centrodestra la neo mamma Giorgia Meloni che è arrivata un'ora prima della cena degli auguri di Natale per abbracciare il suo popolo umbro e fare il punto della situazione - prossime elezioni politiche a marzo - per le liste 2018. La Meloni non delude i propri iscritti e simpatizzanti nel suo discorso "verso il futuro" o come ha più volte detto "verso il governo del centrodestra".

Si parte con il tema più a cuore per chi si definisce di destra: quello del sostegno alla natalità che poi rientra nel progetto di tutela delle famiglie italiane.  "Noi abbiamo preparato un programma come Fratelli d’Italia, che dice “Prima gli italiani” a 360 gradi. Al primo punto vorremmo che ci fosse il più imponente piano di sostengo alla natalità nella storia millenaria del popolo italiano. Perché in Italia se non torniamo a fare i figli, siamo spacciati. Siamo una nazione che scomparirà, e io penso che il problema non si possa risolvere sostituendo gli italiani con gli immigrati. Come vorrebbe qualcuno della Cgil. Il sostegno alla natalità è fondamentale soprattutto in Umbria dove le nascite sono sempre meno e la percentuale di immigrati è tra le più alte del paese".

Il secondo punto programmatico di Fratelli d'Italia è il sostegno, con meno tasse, per la produzione italiana di qualità: "questo consentirà di recuperare posti di lavoro, di conquistare nuovi mercati e di costruire delle filiere dei prodotti italiani sempre più solide e di qualità". A chi gli chiede un giudizio sull'Europa politica, la Meloni risponde con grande tranquillità: "Non sono per l’uscita dell’Italia dall’Unione Europea, credo che l’Italia non si renda conto di quanto pesa nell’UE. Noi siamo per chiudere questa Unione e costruire un nuovo percorso d’integrazione, che sia una confederazione di nazioni libere e sovrane. Cioè, a me non interessa condividere con l’Unione Europea la lunghezza delle zucchine che produco, ma magari m’interesserebbe condividere una politica estera".

La Meloni promette agli elettori umbri delle liste pulite alle prossime elezioni: "Io non voglio impresentabili in lista, non voglio fare una campagna elettorale dovendomi giustificare per qualche candidato, messo da me o messo da altri, e quindi propongo di non far fare questo lavoro alla magistratura e di farlo fare alla politica". Soddisfatti i vertici di Fratelli d'Italia che non si aspettavano una sala con oltre mille supporter paganti: "Siamo un movimento in crescita, che sa ben governare diversi comuni dell'Umbria e sogna una riscossa economica e sociale dell'Italia e degli italiani".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento