Elezioni regionali Umbria, Fioroni (Lega): "L'improvvisazione mette a rischio 118 e salute dei cittadini"

La candidata della Lega Paola Fioroni: "Le soluzioni non possono prescindere dal confronto con i player del Terzo Settore, fermo restando che la Regione dovrà fare la sua parte"

“La mozione governativa di riforma del servizio 118, presentata in Senato lo scorso 7 ottobre dalla senatrice 5Stelle Maria Domenica Castellone, mette a rischio tutto il sistema che garantisce il servizio 118, anche sul nostro territorio regionale, configurando un detrimento al sistema di sussidiarietà orizzontale, principio insostituibile nel nostro contesto sociale, e generando un costo insostenibile per il Servizio sanitario nazionale che si tradurrebbe inevitabilmente in un ulteriore aumento della tassazione o in una riduzione dei servizi per il cittadino”. Ad affermarlo la candidata della Lega alle prossime elezioni regionali in Umbria, Paola Fioroni.

“Se da un lato gli infermieri e i medici del 118 del Servizio sanitario sono spesso precari, male stipendiati e poco tutelati – prosegue Fioroni –, dall’altro immaginare una soluzione a tale criticità escludendo il volontariato dal soccorso sanitario è frutto di una pericolosa improvvisazione legislativa, incapace di comprendere che senza il contributo del volontariato il sistema non si reggerebbe più, avrebbe costi troppo alti e nessuna capillarità, tenendo conto che a livello nazionale il sistema del 118 è garantito all'80 per cento proprio dal volontariato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La formazione, naturalmente, deve essere la condizione necessaria per garantire la qualità dei servizi erogati e deve essere valorizzata consentendo di distinguere tra realtà strutturate e quelle improvvisate – conclude Paola Fioroni –. Le soluzioni non possono prescindere dal confronto con i player del Terzo Settore, fermo restando che la Regione dovrà fare la sua parte, implementando il necessario sistema di controlli strutturali e assolvendo alla propria funzione sanzionatoria in modo chiaro ed univoco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Un'azienda perugina protagonista al matrimonio vip di Elettra Lamborghini sul Lago di Como

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Super vincita in Umbria, con un biglietto da 5 euro porta a casa 500mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento