rotate-mobile
Politica Corciano

Elezioni amministrative 2023, c'è già un candidato a sindaco in campo ma senza ancora squadra e partiti. "Mi candido per lasciare un segno"

Si chiama Daniele Padovano, un 31 enne giovane imprenditore, che ha iniziato la sua particolare campagna elettorale dialogando su tempi, priorità e sviluppo

Sui social, aprendo una sua pagina da candidato, già dal mese di giugno ha annunciato ad amici, simpattizzanti e residenti a Corciano che si vuole candidare, senza se e senza ma, alla carica di sindaco in vista delle prossime amministrative. Il candidato al momento solo in fuga, con un anticipo inusuale per i candidati scelti all'ultimo secondo dalle grandi coalizioni, si chiama Daniele Padovano, un 31 enne giovane imprenditore, che ha iniziato la sua particolare campagna elettorale dialogando su tempi, priorità e sviluppo. Di partiti, allenze, cartelli elettorali nessuna traccia. Di destra? Di centro? Di Sinistra? Prima il programma, poi la discussione con tutti e chi sottoscrive il documento entra nell'alleanza politica-civica pensata, sognata e forse delirante di Padovano. 

Le male-lingue parlano di una operazione civica sì, ma che rientra nello spirito e nella strategia di una parte del Terzo Polo (Calenda-Renzi). Nessuna conferma e nessun elemento utile nelle pagine sociale.  "Non sono il solito politico.  Ho 31 anni, sono un padre di famiglia e titolare di un attività commerciale. Auguro a tutti nella vita di poter trasformare la passione in lavoro, come é successo a me o di riuscire a fare nella vita lavorativa quello che piace e buttarsi in nuove avventure se capita l'occasione". 

E a proposito di nuove avventure: "Mi candido come sindaco di Corciano per il 2023". Spiega che "da due anni sta lavorando sul bilancio del comune e sul programma elettorale ...voglio fare davvero la differenza e lasciare un segno". Passare alla storia piuttosto che passare ad altra poltrona politica, magari prestigiosa. Dicono tutti così e poi però scatta, in molti casi, la trappola della dipendenza da politica-potere. Padovano, da giovane imprenditore, si sente pronto alla guida di Corciano forte di due qualità: l'esperienza maturata nel mondo del lavoro e la capacità di ascoltare. 

"Il primo cittadino - ha spiegato ai nostri microfoni - di ogni città deve avere un esperienza di vita reale per capire le difficoltà di ogni giorno, deve ascoltare davvero i cittadini, senza dover fare promesse che non si possano mantenere per prendere voti. Mi metto in gioco per provare a risolvere i tanti problemi presenti all'interno del mio comune, lo faccio senza promettere soldi facili, appalti o qualsiasi altra cosa benevola che poi non riuscirei a svolgere. Parlo di Corciano e le sue 8 frazioni, senza lasciarne nessuna in stato di abbandono. Capocavallo, Castelvieto, Ellera, Chiugiana, Mantignana, Migiana, San Mariano e la splendida Solomeo, sempre curata e pulita grazie al noto imprenditore Brunello Cucinelli". 

Uno degli obiettivi del candidato in fuga, un po' civico e un po' aspirante politico del neo-centrismo (a mio giudizio), è chiaro: "Farò di tutto per gestire al meglio le risorse e l'organico dell'amministrazione, curare il verde, tenere pulito ma soprattutto dare lavoro alle aziende presenti all'interno dello stesso Comune". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni amministrative 2023, c'è già un candidato a sindaco in campo ma senza ancora squadra e partiti. "Mi candido per lasciare un segno"

PerugiaToday è in caricamento