Bonus Covid | Bori alla Giunta: "Incentivi a tutti coloro che combattono il virus". Ecco gli esclusi

Tpmmaso Bori (Pd): "Non è una questione economica ma di principio e di rispetto nella piena dignità di tutti gli operatori, per questo la Giunta regionale deve sanare questa imbarazzante parzialità"

“Bonus Covid per tutte le figure del sistema sanitario impegnate nella lotta al Coronavirus e oggi escluse dal provvedimento": la richiesta alla Giunta presentata direttamente dal capogruppo del pd, Tommaso Bori, dopo l'accordo già raggiunto con i sindacati. Fuori dalla lista sono rimasti: i medici specializzandi, i medici di continuità assistenziale, i pediatri di libera scelta, i medici di medicina generale, i medici del 118 in convenzione e tutti gli altri professionisti non dipendenti come psicologici, biologici e farmacisti. 

“Il nostro Paese e l’Umbria – ha commentato Bori – sono stati chiamati a gestire un’emergenza sanitaria dovuta ad un virus sconosciuto e aggressivo, contro cui non ci sono ancora terapie valide e vaccini sperimentati, se non il distanziamento sociale e il supporto dei pazienti contagiati. Un’emergenza che ha fortemente stressato il sistema sanitario regionale con tutte le figure in prima linea, nessuna esclusa. L’accordo chiuso per il bonus, relativo ai turni di lavoro straordinari, non comprende però molte figure. Una decisione mortificante nei confronti di professionisti che durante questa emergenza sanitaria hanno lavorato senza sosta al pari degli altri negli stessi reparti, garantendo i servizi sia territoriali che ospedalieri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il capogruppo Dem è dunque necessario “riconoscere il lavoro e lo sforzo di chi è stato costantemente esposto in prima linea e di chi non si è tirato indietro lavorando anche 7 giorni su 7, 24 ore 24. Non è una questione economica ma di principio e di rispetto nella piena dignità di tutti gli operatori, per questo la Giunta regionale deve sanare questa imbarazzante parzialità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento