Lavorare con i bambini nei nidi e nelle scuole dell'infanzia: ecco quali requisiti servono

Si tratta di un mestiere affascinante, in cui sono richiesti pazienza e responsabilità. Ecco come formarsi

Anche se in Italia si fanno pochi bambini, sono numerosi gli sbocchi lavorativi nel settore per l'educazione all’infanzia, ma non sempre i giovani li prendono in considerazione e conoscono i requisiti necessari per lavorarci.

Innanzitutto bisogna decidere se si vuole diventare educatore/trice di asilo nido o maestro/a di asilo poichè a seconda della professione è richiesto un certo percorso formativo da seguire. Inolte, chi desidera avvicinarsi a questi ambiti deve essere consapevole che si tratta di lavori molto gratificanti, ma di grande responsabilità, che richiedono inventiva molta pazienza.

Entrambe le figure infatti, oltre che occuparsi fisicamente dei bambini, hanno il compito anche di farli giocare e stimolarli intellettualmente, con attività sempre nuove.

L'educatore di asilo nido

Nello specifico, l'educatore degli asili nido si occupa di bambini da 0 a 3 anni, contribuendo a creare un ambiente in cui i bambini possono giocare e imparare nuove abilità e coinvolgendoli in attività stimolanti come la lettura e il disegno. Questa figura si occupa inoltre di garantire le cure di base dei neonati e dei bambini più piccoli, prestando attenzione all'igiene e aiutando alcuni bambini a mangiare, a seconda dei casi.

L'educatore, inoltre, diventa una figura chiave anche per i genitori, monitorando lo stato emotivo dei bambini e i suoi comportamenti ed eventualmente pianificando i pasti, nel caso in cui qualcuno abbia un'allergia alimentare.

Il maestro di asilo

Un maestro di asilo, invece, lavora con i bambini dai 3 ai 6 anni, fornendo un ambiente stimolante, sicuro ed igienico per bambini e supervisionando la sicurezza e il benessere dei piccoli. Deve inoltre assicurarsi che giocattoli, mobili ed attrezzature siano correttamente pulite e disinfettate e prepara programmi ludici che favoriscano lo sviluppo fisico, cognitivo, emotivo e sociale dei bambini.

Altro compito importante al quale deve rispondere è quello di favorire la crescita dell'autostima e dell'autonomia di ogni bambino, aiutandolo ad esprimersi proponendo domande stimolanti, grazie alla conoscenza delle diverse tecniche d'insegnamento. Come per l'educatore del nido, anche un maestro di asilo deve mantenere un dialogo costante con i genitori, aggiornandoli sui progressi dei loro figi e su eventuali criticità.

I requisiti per lavorare in un asilo nido

Per lavorare come maestro in un asilo nido esistono due strade da poter seguire: un corso di formazione specializzato, spesso rilasciato dalla Regione e che non necessita di Laurea, o una Laurea in Scienze dell’Educazione, che prevede un corso di studi di 5 anni con tirocini annessi. Questo secondo percorso formativo è più completo e permette di lavorare non solo con bambini, ma anche con disabili e anziani.

Se si preferisce, invece, frequentare un corso di formazione della Regione, si otterrà un attestato che permette di partecipare anche a bandi di concorso in strutture che offrono servizio baby parking e ludoteche. In Umbria al momento non ci sono corsi di questo tipo.

I requisiti per lavorare nelle scuole materne

Chi vuole lavorare come maestro d'asilo deve essere in possesso di una Laurea in Scienze della Formazione Primaria (della durata di 5 anni) oppure conseguire un corso di formazione. Oltre al corso di Laurea in scienze della formazione primaria gli studenti saranno tenuti a partecipare ad un tirocinio che permetterà loro mettere in pratica con supporto di altre maestre in carriera i propri studi teorici acquisiti durante il corso di Laurea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • #Gemma cerca Volontari Digitali, al via due corsi di formazione

  • Educazione alimentare a scuola, si parte dall'olio di oliva: anche alle superiori il progetto “Mo’ e la favola dell’olio”

  • Arriva myIs, l'app del MIUR per rispondere a tutte le domande sul mondo della scuola

Torna su
PerugiaToday è in caricamento