Sgominato clan di trafficanti di donne, le sfruttava per farle diventare schiave del sesso: otto arresti

L'organizzazione faceva parte di una comunità pseudo religiosa. Donne sfruttate e costrette a vendersi

Sgominati i trafficanti di donne che, dalla Nigeria passando per la Libia, le facevano arrivare in Italia per poi costingerle a diventare schiave del sesso. Sono otto i nigeriani finiti nella rete della polizia di Perugia che li ha arrestati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Inoltre, al fine di ottenere indebitamente i permessi di soggiorno, avrebbero indotto in errore anche i pubblici ufficiali. Gli arresti sono stati eseguiti dalla polizia di Perugia sotto il coordinamento investigativo della Direzione Distrettuale Antimafia di Perugia. Tutti e otto facevano parte di una comunità pesudo religiosa. Il clan, attraverso alcuni referenti, organizzava anche il viaggio delle ragazze,passando per la Libia e attraversando il Mar Mediterraneo. Tutti i dettagli dell'operazione saranno svelati in conferenza stampa questa mattina alle 11. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento