Sequesto a San Marino, Nuove case in un'area ad alto valore paesaggistico: sono state autorizzate?

La Guardia Forestale ha sequestrato un'area (a San Marino di Perugia) già spianata e con parte del bosco già abbattuto. Tutto era pronto per il cemento. Le indagini si stanno estendendo anche al Come sull'approvazione "di un presunto piano attuativo in variante al Prg"

Stavano per costuire un piccolo complesso abitativo completamente abusivo in una delle zone di Perugia di maggiore pregio paesaggistico e ambientale: ovvero nella frazione di San Marino, sopra la più popolosa San Marco. Una lottizzazione selvaggia che è stata scoperta dalla Guardia Forestale dell'Umbria che hanno sequestrato l'intera area già ben spianata e pronta ad accogliere il cantiere edile. 

Il provvedimento di sequestro preventivo di urgenza è stato emesso dal Sostituto Procuratore che coordina le operazioni, a seguito di un’intensa attività d’indagine condotta dalla Forestale del Comando Stazione di Perugia iniziata da diversi mesi e si è reso necessario "al fine di garantire la misura cautelare dell’immodificabilità dei luoghi".

Nonostante il divieto assoluto di edificabilità, che insiste sulla zona in questione in quanto area boscata, erano già state avviate le opere di urbanizzazione propedeutiche alla costruzione di un complesso residenziale, provocando già un parziale disboscamento dell’area. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini stanno proseguendo al fine di individuare tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nella vicenda complessa e che sembra riservare ulteriori sviluppi. Si cerca di capire le responsabilità anche di chi ha partecipato all'iter amministrativo che ha determinato l’approvazione di un piano attuativo in variante al piano regolatore con il quale veniva consentita la realizzazione del complesso residenziale, a violazioni paesaggistico-ambientali ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Una situazione che starebbe creando problemi ovviamente al Comune che è titolare delle varie approvazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento