Cronaca

Tariffa dei rifiuti calcolata sui metri quadri: Sipa chiede la riduzione, ma il Tar dà ragione al Comune di Perugia

Per garage e officina, nel 2016, si pagavano 3 euro a metro quadro, per la società di gestione del parcheggi dovevano essere 30 centesimi

La Sipa paga troppo di Tari e si rivolge al Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria per contestare il piano rifiuti del Comune di Perugia e le relative bollette.

Sipa e Aipark (Associazione italiana tra gli operatori nel settore della sosta e dei parcheggi), hanno chiesto l’annullamento dei provvedimenti collegati alla Tari (con riferimento al 2016) in relazione ai rapporti di parcheggio di veicoli non custodito. Secondo il ricorso sarebbe errata l’applicazione dei coefficienti di produzione rifiuti per le autorimesse e i magazzini, e la tariffa di 3,46 euro per metro quadro, con richiesta di applicazione della “tariffa puntuale”, così come prevede il servizio di raccolta differenziata nel centro storico di Perugia attraverso “la registrazione degli svuotamenti del rifiuto secco residuo”.

Secondo la Sipa, in linea con il principio di derivazione europea “chi inquina paga”, il calcolo della tariffa dovrebbe essere scollegato dal calcolo della superficie di uffici o abitazioni, ma al dato qualitativo e quantitativo dei rifiuti effettivamente prodotti e conferiti.

Per il Comune di Perugia si paga su una media di 4 chilogrammi di rifiuti per metro quadro all’anno, per la società ricorrente di appena 0,3 chili per metro quadro all’anno.

Per i giudici amministrativi, però, il ricorso non merita l’accoglimento in quanto con la legge di stabilità del 2014 si è stabilito che la Tari “è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre i rifiuti medesimi”. E che le tariffe “devono assicurare la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti”, determinate con delibera del consiglio comunale”. Quanto ai coefficienti di produzione dei rifiuti sono stati determinati secondo valori medi ordinari previsti dalla legge.

Da qui il rigetto del ricorso e la condanna al pagamento delle spese processuali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tariffa dei rifiuti calcolata sui metri quadri: Sipa chiede la riduzione, ma il Tar dà ragione al Comune di Perugia

PerugiaToday è in caricamento