Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Al Borgo Bello due opposte storie di strada e di solidarietà

Un chitarrista di strada fatto allontanare dalla Municipale e un senza tetto che chiede aiuto per la notte e scappa prima di sentire la risposta

Spesa online, buoni nei negozi di vicinato, iniziative per i bambini a Natale con il regalo sospeso. Al Borgo Bello la solidarietà è sempre stata una parola che ha il sapore dell’impegno quotidiano.

Due fatti, avvenuti tra Sant’Ercolano e il Frontone, sono collegati alla solidarietà, in questo caso mancata. Proprio questa mattina, raccontano alcuni residenti, davanti alle scalette di Sant’Ercolano, un ragazzo si è messo, con il suo sgabello, a suonare la chitarra, senza chiedere alcunché.

Qualcuno si è fermato ad ascoltare, vivendo un momento più leggero, rispetto all’aria triste e cupa che questa emergenza sanitaria ha calato sulla città.

Passano pochi minuti che arriva una pattuglia della Polizia municipale che chiedono al ragazzo di smettere di suonare e di raccogliere le sue cose. Qualche cittadino protesta, ma la legge è legge. Tra permessi e norme anti Covid proprio non è possibile che rimanga lì a suonare.

Qualcun altro mugugna: “Magari fossero così solerti quando chiamiamo per la presenza di spacciatori o per le auto parcheggiate ovunque, quasi sempre senza permesso”.

Da un paio di giorni, invece, sul finire della giornata, molti residenti del Borgo Bello hanno sentito suonare il campanello di casa. Dall’altra parte del citofono una persona che chiedeva aiuto per la notte, qualcosa da mangiare e un posto dove dormire. Senza neanche il tempo di poter rispondere, però, che la persona era già andata via.

“Ho sentito il campanello, ho risposto e una persona chiedeva un posto dove dormire – racconta un residente – Gli ho detto di rivolgersi al Comune o alla Caritas per i posti letto per le persone senza dimora. Volevo dirgli che potevo chiamare anche io, ma non c’era più”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Borgo Bello due opposte storie di strada e di solidarietà

PerugiaToday è in caricamento