Concorso nazionale di poesia “San Martino”: i nomi dei vincitori

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

La seconda edizione del Concorso nazionale di poesia “San Martino” si conclude superando il successo del debutto e confermando il valore del progetto della Pro Loco di San Martino in Campo e dell’Ecomuseo del Tevere che, attraverso la poesia, con un lavoro di squadra hanno voluto e saputo valorizzare e promuovere il territorio locale e le sue risorse.

Una scommessa che quest’anno ha valso al premio il patrocinio della Regione Umbria e che è stata fortemente vinta: sono stati 208 i partecipanti da tutta Italia, con 570 componimenti di elevatissima qualità.  A valutarli una Giuria di non “professionisti” composta da Maria Cristina Baldoni, Giorgio Bolletta, Maria Leda Castellani, Giovanni Dominici, Rita Imperatori e Caterina Marcelli.

I vincitori sono stati premiati nel corso di una cerimonia che si è svolta nella residenza d’epoca “Alla Posta dei Donini”, durante la quale gli organizzatori hanno voluto manifestare solidarietà concreta alle persone colpite dai recenti eventi sismici. L’antologia “Un altro dire”, a cura di Rita Imperatori e Caterina Marcelli, che raccoglie i testi ritenuti migliori dalla Giuria del Concorso, è stata consegnata, infatti, a chi ha voluto offrire un piccolo contributo; i fondi raccolti verranno versati sul conto della Protezione Civile.

Numerosi gli autori giunti a San Martino in Campo da Lazio, Toscana, Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta, Puglia e da alcune città umbre per ritirare i riconoscimenti, consistenti in premi in denaro, targhe e pergamene, ma anche soltanto per conoscere le bellezze di quest’angolo dell’Umbria e avere una copia dell’antologia che, in copertina, riproduce significativamente un affresco attribuito ad Andrea di Assisi, detto L’Ingegno, collocato in un piccolo gioiello di San Martino in Campo, la chiesa della Madonnuccia e che raffigura San Martino di Tours che dona il mantello ad un povero.

Vincitore dell’edizione 2016 è stato Umberto Vicaretti (RM) con “Fiori di Bodrum”; seconda classificata Fulvia Marconi (AN) con “Susa, la pazza”; terza classificata Loriana Capecchi (PT) con “La terra di mio padre”; quarto classificato Tullio Mariani (PI) con “Giorno della Memoria”; quinta classificata Antonella Proietti (RM) con “Annaffiate i bambini”. Finalisti Antonio Villa (LT) con “Incroci”, sesto classificato; Maria Francesca Giovelli (PC), “Sono ancora qui”, settima; Marco Nicolosi (LU), “Pianto d’amore”, ottavo; Davide Del Grosso (MI), “Vorrei dirti che l’amore”, nono; Anna Elisa De Gregorio (AN), “Nel frattempo”, decima classificata.

Premi speciali della Giuria a Carmelo Consoli (FI) per “Variazioni di paesaggio siciliano”; Claudia Piccinno (BO), “Davide è il tuo nome”; Angelo Taioli (PV), “Adesso so che l’estate”; Giovanni Troiano (CS), “Complemento all’essere”; Rodolfo Vettorello (MI), “Riempimi la bocca con la sabbia”. Sono state attribuite menzioni d’onore ad Angela Ambrosini (PG) per “La casa del tempo”; Pietro Catalano (RM), “Sedici ottobre”; Caterina Cellotti (RG), “Nell’inverno ottanta primavere”; Antonio Damiano (LT), “I ragazzi del Bataclan”; Clara Di Stefano (AQ), “Sanguina ancora”; Luciano Gentiletti (RM), “La felicità”; Bruno Santini (FI), “Esule”; Valter Simonini (MS), “Versami due gocce di memoria”; Agostina Spagnuolo (AV), “Bambini nella guerra”; Rita Zaino (PE), “Abbraccio”. Segnalazioni per Nazareno Caporali (MI), “Il grande fiume”; Giorgio Croce (PG), “Sono nato”; Michela Fontana (NO), “Non piangere”; Luciano Giannelli (PG), “Passione”; Cristina Neve (PG), “Infinita presenza”; Francesca Pecorella (PG), “Il bucato”.

Fra gli autori i cui testi sono stati pubblicati nell’antologia, hanno partecipato alla cerimonia Umberto Druschovic e Patrizia Francioso. La cerimonia, condotta da Elena Valigi, si è aperta con i saluti di Lucio Gallina, a nome della Pro Loco di San Martino in Campo, di Caterina Marcelli per l’Ecomuseo del Tevere (presente in sala il presidente Claudio Giacometti) e gli interventi della senatrice Valeria Cardinali e del professor Franco Ivan Nucciarelli, consigliere comunale di Perugia, intervenuto in rappresentanza del Sindaco. A nome della Giuria è intervenuta Rita Imperatori.

A premiare i vincitori, oltre a Cardinali e Nucciarelli, sono stati il presidente e il vicepresidente della Pro Loco, Giuseppe Zampi e Sauro Valigi, la segretaria della Pro Loco Isabella Antognelli e i componenti della Giuria. Particolarmente graditi gli intermezzi musicali del gruppo “Via 1° Maggio” composto da Lorenzo Capolsini (chitarra e voce), Letizia Gallina (voce) e Lucia Sagretti (violino) che ha anche accompagnato la lettura da parte di Margherita Tascini e Gianluca Carnevali delle opere premiate e pubblicate.

Quest’anno la cerimonia di premiazione è stata più ricca della precedente, diventando spazio di incontro fra competenze e sensibilità diverse grazie all’intervento dello storico e saggista Massimo Sestili che ha presentato il suo saggio “I ragazzi di via Buonarroti. Una storia della Resistenza” (Marlin, 2015). Ha dovuto invece rinunciare a partecipare la scrittrice Barbara Garlaschelli di cui è stata letta una ballata, “Da me a te”, tratta dal suo “Ballate controvento” (Edizioni del Gattaccio, 2016).

L’antologia della seconda edizione del Concorso nazionale di poesia “San Martino”, “Un altro dire”, con una presentazione dell’assessore alla Cultura della Regione Umbria, Fernanda Cecchini, è stata stampata dal Centro Stampa della Giunta regionale dell’Umbria, nell’ambito del programma annuale delle attività culturali dell’Ecomuseo del Tevere.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

Potrebbe interessarti
Torna su
PerugiaToday è in caricamento