Cronaca

Blitz del Nas: denunciati i titolari di cinque case di riposo umbre e 43 medici di base

Le strutture ospitavano irregolarmente decine di anziani non autosufficienti

Cinque titolari di altrettante strutture per anziani umbre sono finite nei guai dopo un intervento effettuato dal Nas di Perugia. Una verifica effettuata a febbraio che il nucleo antisofisticazioni e sanità dei Carabinieri ha reso pubblico nelle ultime ore insieme a quelli effettuati in altre regioni d'Italia.

Importa mascherine con il trucco per frodare il fisco, nei guai imprenditore di Umbertide

"Al termine di mirate verifiche volte ad assicurare la corretta erogazione di prestazioni sanitarie ed assistenziali - si legge in una nota del NAs -, sono stati denunciati alle competenti Procure della Repubblica 5 titolari di altrettante strutture per anziani ubicate nella Regione Umbria. I controlli hanno consentito di individuare 65 ospiti 'non autosufficienti' su 89, giudicati tali da personale USL Umbria su specifica richiesta dei Carabinieri. L’escamotage permetteva di aggirare le previste autorizzazioni regionali e ridurre il personale qualificato per l’assistenza. Nel prosieguo delle indagini, sono stati deferiti anche 43 medici di medicina generale per aver redatto false attestazioni di autosufficienza in favore dei propri assistiti, gran parte giudicati già invalidi dalla Commissione per invalidità civile dell’Inps con necessità di assistenza continuativa (il cosidetto 'accompagnamento', legge 104/1992)".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz del Nas: denunciati i titolari di cinque case di riposo umbre e 43 medici di base

PerugiaToday è in caricamento