menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri effettuano verifiche in un casolare abbandonato

Carabinieri effettuano verifiche in un casolare abbandonato

Giallo ad Assisi, la famiglia chiede di continuare le indagini: "quei tre punti discordanti con l'incidente"

Su questo è stato chiaro l'avvocato della famiglia, Giuseppe Berellini, che è stato direttamente interpellato da Perugiatoday.it. "La famiglia chiede al sottoscritto e agli inquirenti di continuare a fare verifiche per arrivare ad un quadro definitivo e certo". L'intervista al legale

Qualcosa non torna. O almeno non torna alla famiglia dell'imprenditore Domenico Pelagatti - trovato morto giovedì scorso lungo il percorso verde di Assisi - anche dopo i risultati per certi versi "rassicuranti" dell'autopsia dove non sono state trovate ferite o tracce di una morte violenta, per aggressione. I conti non tornano per chi conosceva Domenico e per chi ha visto quella cisterna (con un metro e mezzo d'acqua) dove è stato ritrovato il corpo a testa in giù. 

Su questo è stato chiaro l'avvocato della famiglia, Giuseppe Berellini, che è stato direttamente interpellato da Perugiatoday.it. "La famiglia chiede al sottoscritto e agli inquirenti di continuare a fare verifiche per arrivare ad un quadro definitivo e certo sulla morte di Domenico. Nonostante i risultati dell'autopsia, comunicateci dal nostro consulente, alla famiglia risulta poco coerente la ricostruzione di un incidente, conoscendo bene le abitudini e il modo di fare del loro caro che era uomo molto prudente ed era solito chiedere una mano in certe situazioni avendo a disposizione anche dei dipendenti-operai. Abbiamo chiesto le analisi tossicologiche per avere altri riscontri, mentre ci è stato dato il nulla osta per poter effettuare i funerali". 

Quali punti in particolare vengono considerati non coerenti dalla famiglia? "Il primo: si ipotizza che nel pozzetto sia caduta accidentalmente una chiave e che Domenico abbia cercato di farsi luce con il cellulare. Ma le chiavi dell'auto erano in tasca mentre quelle di casa, secondo da quello che sappiamo noi, erano rimaste a casa". 

Secondo aspetto che non vi torna? "Non si arriva casualmente a quel pozzetto da che si trova ad un paio di metri dal percorso che viene regolarmente fatto da chi da sport o una semplice camminata al percorso verde. Era in parte anche ricoperto da alberi e radici. Non si tratta né di un tombino né di un pozzetto ma di una mini-cisterna con oltre metro e mezzo di acqua all'interno. Avventurarsi la dentro implica anche un certo rapporto con l'acqua che Domenico non aveva...".

Avvocato si può spiegare meglio su quest'ultimo aspetto, sul rapporto acqua e l'imprenditore? "Certo. Non era il suo elemento. Tutti sanni, dalla famiglia agli amici, che l'acqua, inteso come nuotare o come immersioni, non era un suo elemento, anche perche sapeva al massimo galleggiare e non certo né un sub né un esperto nuotore che non temeva di mettere la testa sotto per delle immersioni. Tornando al nostro caso stiamo parlando di una cisterna semi-coperta con molta acqua all'interno. Un uomo prudente per giunta in un contesto ostile in teoria chiede aiuto a qualche passante o amico".

Le risulta una persona ascoltata dai Carabinieri poco dopo il ritrovamento del corpo con il quale si è ipotizzato un litigio o un rapporto non sereno? "Da quello che so è che è stato ascoltato un uomo del Sud ma residente in zona con il quale i rapporti si erano un freddati ma nulla di grave e quindi potenzialmente elemento scatenante per un eventuale omicidio. Chiederemo comunque alle forze dell'ordine e agli inquirenti di continuare ad analizzare gli incontri e la giornata di Pelagatti fino al ritrovamento del suo corpo privo di vita". 

Sono state analizzate mail e altri dispositivi? "Pelagatti ha lasciato un tablet nella propria abitazione ma non è stato ancora esaminato. Chiederemo che sia acquisito per ulteriori verifiche. Non vogliamo forzare la mano del pm e dei militari... ma vogliamo chiarezza e che nulla resti intentato". Insomma per la famiglia la morte di Domenico non è un caso risolto; per loro è ancora un giallo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento