rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Un anno senza il vescovo Chiaretti, rinnovatore della chiesa perugina e profeta sui temi da affrontare per i cristiani

Celebrata in cattedrale la messa in memoria del presule, il successore monsignor Ivan Maffeis nell’omelia: "Ha ripensato la chiesa nelle sue strutture missionarie e nella sua pastoralità"

Celebrato in cattedrale il primo anniversario della morte dell’arcivescovo emerito monsignor Giuseppe Chiaretti.

"Il 2 dicembre dello scorso anno moriva l’arcivescovo Giuseppe Chiaretti, che ha guidato la nostra Diocesi dal gennaio 1996 al luglio del 2009, spendendosi con mente e cuore di pastore". Lo ha sottolineato l’arcivescovo monsignor Ivan Maffeis, all’inizio dell’omelia della celebrazione eucaristica tenutasi nella cattedrale di San Lorenzo di Perugia il 2 dicembre.

Concelebranti sono stati il cardinale Gualtiero Bassetti, il vescovo eletto di Civita Castellana monsignor Marco Salvi, già ausiliare a Perugia, il vescovo emerito di Gubbio monsignor Mario Ceccobelli, vicario generale dell’arcivescovo Chiaretti, l’arciprete della cattedrale monsignor Fausto Sciurpa e alcuni dei sacerdoti diocesani ordinati presbiteri dal presule defunto tra cui il nipote don Antonio Paoletti.

Mons. Maffeis ha ricordato le parole pronunciate da Chiaretti il giorno del suo arrivo in Diocesi, il 29 gennaio 1996, festa del Santo patrono Costanzo, incontrando i giovani dell’Istituto Don Guanella: “Il Signore è presente tra i poveri, quale che sia il tipo di povertà. Se vi entriamo dentro con amore, stiamo servendo il Signore”.

Il suo servizio si è concretizzato in alcune iniziative particolarmente rilevanti: il primo Convegno Ecumenico Nazionale sul Padre Nostro; il Congresso Eucaristico Diocesano, dedicato al tema “Senza il giorno del Signore non possiamo vivere”; la visita pastorale all’Arcidiocesi; il Sinodo Diocesano, su tematiche riguardanti la vita dei presbiteri, delle famiglie, dei giovani e la cultura cristiana.

Profetico nel Documento sinodale laddove dava un nome ad alcuni fattori inediti, che avrebbero trasformato radicalmente il nostro tempo: “Gli sconvolgimenti delle guerre che hanno creato profughi, la vasta immigrazione regolare e clandestina, l’impressionante sviluppo della scienza e della tecnica, i mix religiosi autoctoni, la fede cristiana che da anagrafica deve diventare adulta e operosa, i profondi cambiamenti culturali e sociali, la mondializzazione”.

Il prelato aveva chiara la consapevolezza che la nuova situazione in cui siamo immersi sollecita la nostra Chiesa ad avere il coraggio di innovare; ma, con altrettanta lucidità, ricordava che non si tratta di cambiare per cambiare, quanto piuttosto di ricercare “i modi per far conoscere e amare Colui che - diceva, citando Benedetto XVI - è l’inizio dell’essere cristiano: e cioè non una decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva”, il Signore Gesù Cristo”.

Tra i fedeli presenti c’era anche il sindaco di Perugia Andrea Romizi, che ha definito la sua partecipazione "una presenza non solo dovuta in rappresentanza della comunità che l’arcivescovo Chiaretti ha servito, ma anche sentita per un uomo che ha vissuto la nostra città con una concreta e forte presenza in ogni luogo e situazione. Ricordo come il suo camminare nella comunità toccò anche i palazzi delle istituzioni, rivolgendo a chi ricopriva responsabilità di governo parole importanti di collaborazione e di impegno. Aveva una profondità che all’epoca colpì molti e che oggi, facendo memoria, emoziona. Siamo in cattedrale, nel giorno del primo anniversario della sua morte, per far sì che quell’esperienza di vita dell’uomo e del vescovo Chiaretti possa nel tempo continuare ad essere coltivata e vissuta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno senza il vescovo Chiaretti, rinnovatore della chiesa perugina e profeta sui temi da affrontare per i cristiani

PerugiaToday è in caricamento