menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, accordo tra Azzolina e Bassetti: nuovo concorso per insegnanti di religione cattolica

La ministra dell'istruzione e il presidente della Cei hanno sottoscritto l'intesa: nelle prossime settimane sarà emanato il bando

A 17 anni dalla prima e finora unica procedura concorsuale bandita nel febbraio 2004 che istituiva i ruoli per l’insegnamento della religione cattolica, è in arrivo un nuovo concorso. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e il presidente della Conferenza Episcopale Italiana (Cei), il cardinale Gualtiero Bassetti, hanno infatto sottoscritto l’intesa sul concorso per l’assunzione degli insegnanti di Religione Cattolica, necessaria per poter procedere con il bando vero e proprio. La procedura concorsuale ha l’obiettivo di coprire i posti che saranno vacanti e disponibili nel prossimo triennio. Il bando è previsto dalla legge 159 del 2019 e sarà emanato nelle prossime settimane.

Siglando l’Intesa, il cardinal Bassetti ha ricordato che “il prossimo Concorso costituisce un passaggio importante non solo per la stabilizzazione professionale di tanti docenti, ma anche per la dignità dello stesso insegnamento, frequentato ancora oggi - a trentaquattro anni dall’avvio del nuovo sistema di scelta - da una larghissima maggioranza di studenti”. Il cardinale ha poi rinnovato “la stima e la vicinanza dei Vescovi italiani agli insegnati di religione che, con passione e competenza, accompagnano il cammino di crescita delle ragazze e dei ragazzi di oggi”.

“Ringrazio la Cei per la collaborazione che ci ha consentito di arrivare a questa Intesa - ha commentato la ministra Azzolina - che va nella direzione di tutelare le aspirazioni degli insegnanti di religione cattolica che, anche in questo periodo così complesso, hanno lavorato alacremente, in sinergia e armonia con tutto il personale scolastico, per garantire l’effettività del diritto allo studio delle nostre studentesse e dei nostri studenti. Insegnanti che, facendo valere competenze e merito con il concorso, potranno entrare in ruolo e proseguire il loro percorso professionale con maggiore stabilità”.

Il concorso prevede una riserva di posti per i docenti in possesso del riconoscimento di idoneità rilasciato dall’ordinario diocesano, che abbiano svolto almeno tre anni di servizio, anche non consecutivi, nelle Istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento