Successo a Palazzo Gallenga: convegno sulla Robotica, tra tecnologia e umanità

Palazzo Gallenga, convegno internazionale del Circolo Bonazzi su “Robotica e intelligenza artificiale”: un indiscutibile successo

Palazzo Gallenga, convegno internazionale del Circolo Bonazzi su “Robotica e intelligenza artificiale”: un indiscutibile successo. Non sbaglia un colpo il fondatore e presidente dell’Associazione perugina che ha superato il mezzo secolo di vita: Franco Venanti, pictor optimus, massimo esponente della neofigurazione, ma anche mente vulcanica e creativa. Animatore di vaglia della vita culturale perugina, che talvolta dorme.

È stato come se la Vetusta aspettasse questo appuntamento, capace di coniugare scienza e filosofia, umanità e tecnologia. Tra lectiones magistrales e relazioni di vaglia, si è dipanata una giornata memorabile. Qualche nome: Rino Falcone (CNR), Giuseppe Saccomandi (ingegneria), Maurizio Busso (astronomo), Luca Ferrucci (economista), Luca Venanti (geologo), Gaetano Mollo (filosofo), Josh Vermillion (architettura, Usa), Guido Barlozzetti (scrittore)… e tanti altri.

Ricordiamo un paio di momenti di particolare interesse. L’ITSS “Volta”, coi ragazzi coordinati da docente Attilio Pericolini, hanno fornito (subito dopo il coffee break) uno spettacolo strabiliante, portando in scena i loro robot che hanno fatto di tutto: dal lanciare una pallina a canestro, al simulare un hovercraft, al funzionare come “muletto”. Dialogavano con gli studenti-piloti. Mancava solo che giocassero a tressette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma il momento clou, che ha felicemente incrociato tecnologia e umanità, è stato quello in cui Paolo Milia, direttore dell’Unità operativa di neuroriabilitazione del Prosperius, ha presentato una giovane donna, incapace di deambulare. La signora, con l’ausilio di una speciale strumentazione tecnologica e un semplice paio di stampelle, si è fatta un giro tra i presenti, raccontando e proponendosi in una veste di assoluta normalità. A questo punto, la commozione è divenuta virale. Grande momento: di quelli che solo un artista è in grado di proporre come appuntamenti di cultura. Vissuta e sentita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento