rotate-mobile
Concerti Gubbio

Suoni Controvento, nuove tessere per il cartellone 2024

In programma Massimo Silverio con “Hrudja” e Gnut con “Nun te fa’”

Cartellone in costruzione per Suoni Controvento, festival estivo di arti performative promosso da Aucma con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Umbria, che, dopo l'annuncio dei concerti di Cristiano De André, Fabrizio Moro, Mr.Rain e Daniele SIlvestri, svela altri due appuntamenti che prenderanno il via tra Gubbio e San Venanzo.

Il 25 luglio alle 21 protagonista del palco di palazzo Ducale di Gubbio sarà Massimo Silverio, autore e musicista nato e cresciuto a Cercivento nel cuore della regione storico-geografica della Carnia, che scrive e canta nella sua lingua nativa, il "cjarniel", lingua minoritaria delle Alpi Carniche. Fra il fascino della terra di confine e la tradizione di un idioma antico, Silverio forma il suo personalissimo linguaggio fatto di poesia e suoni che si mescolano tra classico e contemporaneo, popolare e colto, acustico, elettroacustico ed elettronico. L'artista porterà con sé le note di "Hrudja" lavoro di contrasti, di silenzi pieni di suono che esulano dai confini di un genere musicale. “Hrudja” è l’antenato longobardo della parola “Grusa” che in friulano indica la crosta che si crea quando si rimargina una ferita, metafora di rinascita e guarigione ma anche di stemma, ricordo di qualcosa che sta scomparendo. In scena con Silverio (vocals, guitars, cello), anche Nicholas Remondino (prepared drum), Manuel Volpe (bass synth, organo, sampler) e Matteo Rizzo (sound engineer).

Il 2 agosto alle 21.15 al  Borgo di Rotecastello a San Venanzo sarà la volta di Gnut, cantautore napoletano che da anni calca le scene musicali seguendo il suo cammino, unico e personale, songwriting che fa incontrare Nick Drake e Elliot Smith con la tradizione cantautorale italiana e la canzone napoletana di Roberto Murolo. L'artista partenopeo si muoverà a ritmo del suo progetto musicale "Nun te ne fa’", album che testimonia la raggiunta maturità artistica di un musicista, che dopo vent’anni di esperienze e contaminazioni musicali, trova un’unica e personalissima strada per veicolare il suo emozionate songwriting e il suo inconfondibile timbro vocale. Un coraggioso progetto d’insieme che conferma uno dei più raffinati esponenti del cantautorato italiano contemporaneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suoni Controvento, nuove tessere per il cartellone 2024

PerugiaToday è in caricamento