rotate-mobile
Concerti

L'Umbria che spacca sempre di più, al cartellone si aggiunge anche Big Mama

Il festival musicale aggiunge un altro tassello all'edizione 2023: tutti i concerti

Anche il flow e l’energia di BigMama saranno protagonisti sul main stage de “L’Umbria che Spacca” ai Giardini del Frontone di Perugia. Alla line up del 30 giugno, prima dell'attesissimo live di Fabri Fibra, si aggiunge l'opening act della rapper di Avellino.

Una delle giovani artiste più interessanti del panorama musicale italiano prima quindi di un’icona del rap italiano e artista della parola come Fabri Fibra. BigMama, nome d’arte di Marianna Mammone, l’alterego artistico che le permette di affrontare le sue fragilità e mostrare al mondo le sue cicatrici attraverso la musica. Le sue canzoni si distinguono per un carattere forte, anche quando tratta argomenti intimi e spicca all’orecchio la padronanza che ha nel rap tra flow, wordplay e linguaggio. Il grande pubblico già l’ha vista partecipare a Sanremo 2023 come ospite nella serata dei duetti con una performance iconica di “American Woman” insieme ad Elodie.

Il festival (in programma a Perugia dal 29 giugno al 2 luglio) è quindi pronto ad accoglierla in una serata, quella del venerdì, tutta powered by Mastri Birrai Umbri. Anche quest’anno, infatti, Mastri Birrai Umbri con la linea Monkey accompagnerà “L’Umbria che Spacca” nel suo viaggio musicale. Ma non è tutto qui: una selezione delle loro migliori Birre Agricole Artigianali sarà disponibile presso le aree del festival durante i 4 giorni di festival.

Manca ormai un mese circa all’edizione 2023, la decima, de “L’Umbria che Spacca”. Già annunciati i principali ospiti del cartellone dei concerti sul palco principale dei Giardini del Frontone. Qua sono attesi Lo Stato Sociale e Nobraino (29 giugno), Fabri Fibra con opening act di BigMama (30 giugno), Verdena con opening act degli Elephant Brain (1 luglio), “Rebel Sunday - Pop punk is not dead” (2 luglio a ingresso gratuito con i protagonisti del pop-punk italiano come Finley, Naska, dARI e Lost).

A due passi dal Main Stage dei Giardini del Frontone, ci si potrà poi immergere nuovamente in una magica oasi verde dove ammirare l'alba, fare colazione in compagnia di artisti incredibili e scoprire i segreti dell'Orto Medievale. Dopo il successo dello scorso anno è stato infatti confermato il Garden Stage in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia (Orto Medievale dell'Università degli Studi di Perugia, all'interno del Complesso monumentale di San Pietro): qua si potranno ammirare le prime luci della giornata in compagnia della musica di Generic Animal (30 giugno), Giovanni Truppi (1 luglio) e Melancholia (2 luglio), il tutto accompagnato da una colazione sostenibile in collaborazione con CAMS – Centro di Ateneo per i Musei Scientifici e Ponte Solidale, con sessione di yoga e meditazione a cura di Luna Di Lisio.

Per “L’Umbria che Spacca” 2023 non poteva mancare l’incredibile esperienza de “La Galleria che Spacca”. Torna così anche quest’anno, per i quattro giorni del festival a Perugia, l'appuntamento in collaborazione con la Galleria Nazionale dell'Umbria, dove si potrà assistere a performance memorabili, tra musica e stand up comedian, e ammirare il patrimonio artistico della Galleria sotto un nuovo punto di vista, quello degli artisti ospiti. Si inizia con due celebri stand up comedian come Daniele Tinti e Stefano Rapone; si prosegue con il rocker toscano Piero Pelù (venerdì 30 giugno); con Ditonellapiaga (sabato 1 luglio); ed infine con Tricarico (domenica 2 luglio).

Infine, c’è ancora tempo fino al 31 maggio per iscriversi alla sesta edizione del “COOP Music Contest”, in collaborazione con Coop Centro Italia, il concorso dedicato a band, solisti e producer umbri, o che svolgono principalmente attività musicale in Umbria, per dare la possibilità di esibirsi con la loro musica originale in apertura agli headliner del festival.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Umbria che spacca sempre di più, al cartellone si aggiunge anche Big Mama

PerugiaToday è in caricamento