Economia

Il futuro della sanità regionale, il Pd: "Reparti interi sotto organico: subito piano assunzioni"

Il gruppo di minoranza chiede di sapere quali interventi intende prendere la Giunta regionale per la questione personale in sanità. In ballo anche la stabilizzazione precari

"La sanità umbra è gravemente sotto-organico: un dossier imprescindibile che i nuovi commissari troveranno sulla scrivania, non affrontato dai loro predecessori, e che dovranno risolvere prima di tutti gli altri”. La denuncia porta la firma dei consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni e Fabio Paparelli, che hanno presentato una interrogazione per chiedere lumi in merito alle “azioni di breve, medio e lungo termine per far fronte al fabbisogno di personale e sullo stato delle graduatorie in essere, quelle su cui è già stato attuato lo scorrimento e quali le tempistiche”. Una chiara richiesta di assumere, tramite le graduatorie già presenti, per velocizzare e migliorare il servizio sanitario regionale. In più c'è l'annosa questione dei precari. 

“Sono quasi mille i precari in carico al servizio sanitario regionale: 200 unità per l’azienda ospedaliera di Perugia e altrettanti in quella di Terni, 350 nell’azienda sanitaria Umbria 2 e oltre 200 nell’azienda sanitaria Umbria 1. Numeri da far tremare i polsi e che testimoniano l’evidente problema se analizzati contestualmente ai pensionamenti. Anche a causa di provvedimenti nazionali, come ‘Quota 100’, il sistema sanitario regionale perderà 300 lavoratori, il 15 per cento del totale, entro il 2025. Un dato che rende evidente la necessità occupazionale del sistema sanitario regionale, che con le sue caratteristiche di universalità e capillarità, ha dimostrato la sua capacità nella gestione dell’emergenza Covid”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il futuro della sanità regionale, il Pd: "Reparti interi sotto organico: subito piano assunzioni"

PerugiaToday è in caricamento