Crisi Perugina, non convince la strategia della Nestlè. Rifondazione: "Appoggiamo la lotta"

"Gli accordi vanno rispettati e fanno bene lavoratori e sindacati a chiamare in causa le Istituzioni e lo stesso Mise". I sindacati, le Rsu e i dipendenti della Perugina di San Sisto hanno incassato il sostegno politico anche di Rifondazione Comunista che è stato ribadito sia dal segretario nazionale Maurizio Acerbo che Enrico Flamini a capo dell'organizzazione in Umbria.

"Il rischio è la delocalizzazione o comunque la fine della contrattualizzazione della stagionalità - hanno scritto i due esponenti di Rifondazione Comunista - attraverso il ricorso al lavoro interinale e precario con contratti a chiamata. Per noi si tratta di agire e non di continuare ad essere completamente subalterni al fatto che il nostro paese sia diventato di fatto un supermercato in cui vengono a fare la spesa le multinazionali. Per questo appoggiamo e appoggeremo tutte le iniziative di lotta che le lavoratrici, i lavoratori e le organizzazioni sindacali intenderanno intraprendere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

  • Frontale tra due autovetture, feriti una mamma e i figli

  • Malattie sessualmente trasmissibili e psoriasi, dermatologi a Perugia: "In aumento i casi, tutti i rischi"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento