menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavorare in Umbria, la Regione torna ad assumere: Province, esuberi zero il 98% è stato ricollocato

Il Consiglio dei Ministri rilascia il via libera per nuove assunzioni. I lavoratori in eccesso delle Province di Perugia e Terni non rischiano mobilità e licenziamenti...

La Regione potrà tornare ad assumere per sostituire pensionamenti o dove ci sono dei buchi in pianta organica e non c'è possibilità di coprirli con il personale già alle dipendenze. L'annuncio è stato dato direttamente dalla presidente della Giunta regionale Castiuscia Marini e dal vice Paparelli dopo la comunicazione ufficiale del consiglio dei Ministri. Il via libera - sempre condizionato però dai tetti di spesa - è stato dato anche dopo la chiusura della partita del personale delle province totalmente riassorbito tra Regione, comuni e altri enti. 

All’inizio del percorso, nel 2014, erano ben 312 i dipendenti interessati al ricollocamento, visto che non rientravano più nelle disponibilità delle province di Perugia e Terni. Di questi, 239 sono stati trasferiti in Regione e 69 hanno invece trovato collocazione nei comuni e negli uffici statali. Ad oggi insomma il 98,7 per cento dei dipendenti ha trovato una soluzione e questo dato rappresenta la totalità dei lavoratori ricollocabili, visto che sono rimaste aperte soltanto quattro situazioni che andranno risolte con soluzioni individuali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento