rotate-mobile
Economia

Oscar Coldiretti, una famiglia umbra premiata come "Custodi d'Italia": vivono a mille metri, sono pastori tra formaggi e ricotte

C'è una famiglia umbra, dedita ad una agricoltura "eroica" ed un allevamento e trasformazione di prodotti made in Umbria rimasti legati alle tradizioni, che è stata inserita nella categoria dei “Custodi d’Italia” che rientra nel concorso nazionale Oscar Green di Coldiretti Giovani Impresa, che venerdì scorso a Roma ha decretato i vincitori. Una famiglia e una impresa agricola con il nome ben stampato e una conduzione femminile: Anna. Grandi obiettivi: un'economia sostenibile, che tutela il territorio e garantisce un cibo di qualità e naturale. Tutto questo in un paese di 10 abitanti sul tetto dell'Umbria: stiamo parlando della frazione di Cascia, Villa San Silvestro, mille metri sul livello del mare, dove gli unici bambini sono quelli di Anna e Filippo, il resto degli abitanti sono tutti anziani. "Abbiamo deciso di essere pastori, ma anche casari, manutentori e guardiani di una tradizione contadina che ha radici lontane - racconta con soddisfazione Anna Runci, dopo essere giunta alla finale del premio -. Con la nostra azienda - spiega Anna - produciamo latte con cui realizziamo formaggi di montagna, freschi e stagionati, ma anche yogurt di pecora e stracchinati, ricotterrrr fresche e salate. Li lavoriamo nel nostro laboratorio, a due passi dall’antica chiesetta e dalle stalle. La trasformazione avviene con le antiche pratiche e i saperi tramandati da generazioni, mentre la mungitura ed altre lavorazioni hanno conosciuto quell’innovazione necessaria a garantire qualità ad un prodotto che è un’eccellenza della nostra agricoltura".

"Il ritorno alla terra dei giovani - ha ricordato Coldiretti - rappresenta oggi una scelta di vita e imprenditoriale sempre più ponderata che si fonda su competenza, professionalità e desiderio di accostarsi ad un mestiere tornato attrattivo. Se la formazione resta fondamentale per la creazione di figure specializzate, l’accesso alla terra e quello al credito - aggiunge Coldiretti - sono le maggiori criticità per i giovani che vogliono aprire un’azienda. Necessarie quindi - conclude Coldiretti Umbria - politiche che agevolino le loro scelte e il loro impegno, incentivando chi scommette in un comparto, che richiede ancora un forte ricambio generazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oscar Coldiretti, una famiglia umbra premiata come "Custodi d'Italia": vivono a mille metri, sono pastori tra formaggi e ricotte

PerugiaToday è in caricamento