'Decreto Rilancio', Confprofessioni: "Ok l'ecobonus, ma professionisti penalizzati rispetto a imprenditori"

La Confederazione in audizione alla Commissione Bilancio della Camera: "Noi fuori dal sostegno al reddito e dal contributo a fondo perduto per le imprese"

Soddisfazione per alcune scelte ma anche critiche nei confronti del 'Decreto Rilancio' varato dal Governo Conte per fronteggiare la crisi economica causata dall'emergenza coronavirus e dalle lunghe settimane di 'lockdown' che hanno paralizzato l'Italia. In audizione alla Commissione Bilancio della Camera, la Confederazione presieduta da Gaetano Stella ha infatti messo in fila pregi e difetti del provvedimento: dal rimborso dei dispositivi di protezione individuale al contributo a fondo perduto, dagli appalti pubblici all’Ecobonus, dagli ammortizzatori sociali alla patrimonializzazione delle imprese.

Il gruppo 'Io compro umbro' sfiora i 30mila utenti

"Perché, a parità di condizioni, un piccolo imprenditore ha diritto al sostegno al reddito e un libero professionista no?" ha chiesto Andrea Dili, coordinatore dell’Assemblea dei presidenti regionali di Confprofessioni evidenziando la diversità di trattamento riservata ai professionisti rispetto agli altri operatori economici illustrando, numeri alla mano, tale discrasia. L’intervento ha toccato poi vari temi. A cominciare dagli interventi sull’Irap che "determineranno, per soggetti con la stessa base imponibile per il 2019, una imposta diversa, a seconda dell’ammontare degli acconti. Un effetto 'distorsivo' che favorisce i soggetti con una dinamica crescente del valore della produzione netta". Sul fronte degli appalti invece, è stata ribadita l’urgenza di ripensare nel codice dei contratti pubblici le procedure di affidamento, il regime delle responsabilità e la disciplina delle 'micro-gare'. Molto bene l’Ecobonus per rilanciare il settore dell’edilizia, ma deve essere assicurata la cessione del credito fiscale da parte delle imprese realizzatrici e allargato l’incentivo agli interventi di efficientamento dei consumi degli edifici energivori, soprattutto quelli più colpiti dalla crisi (alberghi, stabilimenti industriali, cliniche...). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla Regione 40 milioni di euro per sostenere le imprese

Confprofessioni ha invece espresso le sue perplessità sul 'tax credit vacanze', che posticipa l’incasso delle somme per i gestori delle strutture ricettive. Più utile sarebbe, come già proposto da Confprofessioni, "una imposta sostitutiva di Irpef (o Ires), addizionali e Irap al 5%, per 5 anni, a favore di tutti gli operatori del settore". Dubbi anche sul sistema degli ammortizzatori sociali, per effetto dell’intervallo temporale tra le prime 5 settimane e le successive 4 previste dal nuovo decreto. Confprofessioni è intervenuta poi anche sul rafforzamento patrimoniale delle imprese, sottolineando però che "la soglia prevista dal decreto rilancio (5 milioni di euro di ricavi) taglia fuori più del 95% delle imprese del nostro Paese, mentre è necessario che questi incentivi raggiungano la realtà della Pmi". Inaccettabile infine l’esclusione dei professionisti dal contributo a fondo perduto previsto per gli imprenditori: "Garantire equità e coesione sociale passa anche dall’assicurare a tutti i soggetti economici, indipendentemente dalla forma giuridica, lo stesso trattamento se si trovano nelle medesime condizioni. Per questo ci aspettiamo che il Parlamento ponga rimedio a questa ingiusta sperequazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento