Umbria Mobilità in panne, la denuncia del M5S: Zero manutenzioni, bus fermi nelle vie

E' ancora polemiche sulla gestione dell'azienda di trasporto pubblico che vive momenti difficili da un punto di vista economico: "Sempre più elevato il numero di guasti ai mezzi di Umbria Mobilità: bus fermi in strada e cittadini ancora penalizzati"

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Movimento 5 Stelle di Perugia sulla situazione dei trasporti a Perugia. Il movimento critica la gestione di Umbria Mobilità e soprattutto la mancata manutenzione che provoca il fermo di diversi bus durante le corse con gravi disagi per gli utenti

**********

Percorrendo le strade di Perugia e dintorni è frequente notare mezzi pubblici in panne sui lati della strada, con i cittadini costretti a scendere in attesa di un mezzo sostitutivo.  L’elevato numero di guasti che i mezzi di Umbria Mobilità registrano quotidianamente è il risultato tangibile di anni di depauperamento delle risorse pubbliche; di una politica selvaggia di privatizzazioni; del sistematico disinteresse per i bisogni della cittadinanza.  

Il Moviemnto 5 Stelle ha assistito increduli al crescere dei debiti della partecipata umbra senza che vi sia stata un’azione amministrativa prudente e consapevole dei danni che scelte scellerate avrebbero provocato: diminuzione delle corse, aumento del prezzo del biglietto, degrado dei mezzi, scarsa sicurezza dei passeggeri (tra cui non dimentichiamo i minori che tutti i giorni vanno a scuola), condizioni igieniche inadeguate per un paese civile. Il trasporto pubblico avrebbe dovuto rappresentare un mezzo di tutela per quelle famiglie che, costrette dalla crisi a rinunciare a mezzi privati, necessitano più di altre di un’amministrazione attenta a contenere il disagio sociale.  Mentre la popolazione vive la difficoltà di trasporti costosi, insicuri e malandati, i 1.300 lavoratori di Umbria Mobilità hanno appena ricevuto un “acconto” di 600 euro relativo allo stipendio del mese di settembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il resto, forse, alla fine di ottobre. Per “tamponare” il disastro economico e sociale fin qui descritto, nei giorni scorsi la Regione ha erogato altri 4 milioni di euro di prestiti che, insieme ai 13 milioni già versati, dovrebbero permettere di arrivare alla fine dell’anno.  L’amministrazione umbra, con le sue decisioni prive di una prospettiva strategica di buona amministrazione della “cosa pubblica”, continua a soffiare sul fuoco dei debiti di Umbria Mobilità. Il Movimento Cinque stelle di Perugia, nel ribadire il suo impegno sul territorio per informare, denunciare, capire, insieme ai cittadini sta costruendo un’idea diversa di città che ponga al centro delle politiche la persona  e la tutela dei “beni comuni” : i servizi, la cultura, l’ambiente, l’acqua, i trasporti, la sicurezza.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento