menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il miracolo dell'ospedale: compleanno con un cuore nuovo per un 64enne di Perugia

Lunghissima operazione per salvare la vita a F.T. La prognosi resta riservata ma i medici sono ottimisti. Ecco la sua storia

Un compleanno con un cuore nuovo per un uomo di Perugia, sottoposto ieri, venerdì 22 maggio, ad un intervento chirurgico per l’impianto di un cuore artificiale. A meno di 24 ore dal lungo e complesso intervento, durato 8 ore, F.T. (queste le iniziali) sta bene e questa mattina, 23 maggio, dopo essere stato liberato dalle apparecchiature respiratorie, ha potuto sorridere ai familiari, la moglie e i due figli.
“Sapevamo che oggi il paziente compiva 64 anni – dice all’ufficio stampa la dottoressa Emilia Virginia Manini, in servizio presso la TIPOC del Santa Maria della Misericordia- e al suo risveglio l’equipe ha voluto fargli gli auguri. Adesso resterà nella nostra struttura per qualche  giorno per poi  essere  trasferito alla Cardiologia e Fisiopatologia Cardiovascolare”. La prognosi resta attualmente riservata, ma i sanitari sono soddisfatti del buon esito dell’intervento e moderatamente ottimisti.

Il caso dell’uomo, che nella vita ha svolto l’attività di autista di autobus granturismo,  fino a qualche giorno fa era di estrema gravità, last end stage, come clinicamente  lo definivano i sanitari.  La sola alternativa era il trapianto di cuore. Il paziente più volte  era stato ricoverato  presso la struttura di Cardiologia diretta dal professor Giuseppe Ambrosio, e dopo un consulto con i cardiochirurghi, veniva deciso il giorno dell’intervento con l’acquisizione del cuore artificiale permanente (modello Jarvik 2000).
 

Il nuovo cuore è stato impiantato con tecnica mininvasiva dall’equipe cardiochirurgica  guidata dal professor Temistocle Ragni e dai dottori Isidoro Di Bella e Alessandro Affronti. Del team multidisciplinare facevano parte anche gli anestesisti  Emilia Virginia Manini e Fabio Mencarelli, con Monia Ceccarelli caposala coordinatrice della Terapia Intensiva post operatoria cardiochirurgica.

Informato del buon esito dell’intervento, il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia ha dichiarato: “L’ospedale di Perugia ha come obbiettivo quello della innovazione e tecnologia nelle varie discipline. Anche in questa occasione è stato possibile un impiego importante di risorse rese possibili da un sistema sanitario regionale sano ed oculato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento