I fedeli perugini hanno due nuovi parroci: don Giosuè e don Giordano

Il cardinale Gualtiero Bassetti ai numerosi fedeli presenti in cattedrale: "Vedo la gente un po’ fredda, un po’ pigra nei confronti del grande sacramento della confessione"

Grande festa per l’ordinazione presbiterale di don Giosuè Busti e di don Giordano Commodi, tenutasi nel pomeriggio-serata del 29 giugno in una gremita cattedrale di San Lorenzo di Perugia. Il cardinale Gualtiero Bassetti ha voluto fare «un annuncio importante», come lui stesso lo ha definito, quasi un richiamo a tutti i fedeli. «Io, vostro vescovo, vi autorizzo fin da subito (rivolgendosi ai due nuovi sacerdoti, ndr) ad esercitare il ministero della confessione – ha detto il porporato –. Lo faccio per incoraggiare non soltanto voi fedeli qui presenti così numerosi, ma anche la gente che vedo un po’ fredda, un po’ pigra nei confronti di questo grande sacramento, che è il sacramento della Misericordia di Dio. Approfittatene il più possibile perché il Signore, anche attraverso questi due nuovi sacerdoti, sta passando nella nostra Chiesa».

Al termine della celebrazione don Giordano e don Giosuè, che domenica 30 giugno hanno celebrato la loro “prima messa” nelle parrocchie di Castel del Piano e di Elce, hanno espresso gratitudine al Signore e ringraziato quanti li hanno sostenuti nel cammino vocazionale: dal cardinale Bassetti alle loro famiglie, dai formatori e amici di Seminario alle comunità parrocchiali dove è maturata la loro vocazione (Elce con la Comunità Magnificat, Castel del Piano, Monteluce, San Barnaba, Prepo, Ss. Biagio e Savino, Montebello e San Fortunato della Collina), alle comunità monastiche dove sono stati accolti si è pregato per loro (le clarisse dei monasteri di Sant’Erminio in Perugia, di Santa Chiara in Carpi e del Buon Gesù in Orvieto e i monaci di Betlemme in Montecorana). 

«Le parole – hanno detto i due sacerdoti – non riescono a comunicare pienamente la profonda gratitudine per quanto il Signore ha compiuto nelle nostre vite. Essa deriva dalla grande misericordia costantemente riversata su di noi e dalla totale fedeltà che sempre e soprattutto oggi vediamo realizzarsi. Misericordia e fedeltà: sono due fondamentali caratteristiche con cui Dio si è manifestato nelle nostre concrete relazioni con gli altri. Ogni persona incontrata in questo cammino è per noi espressione del suo Volto. Egli ci ha fatto innamorare della Chiesa, e di essa vogliamo prenderci cura, donando la vita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento