Ramazzano, omicidio Luca Rosi: nel mirino gli operai di un cantiere edile

Carabinieri e Procura non si sbottonano, ma raccolgono elementi per cercare di trovare in fallo un potenziale basista della squadra. Al vaglio chiunque abbia lavorato o collaborato con le famiglie rapinate nell'Area Nord

Lungo la scia dei potenziali banditi che hanno ucciso Luca Rosi nella villetta di famiglia di Ramazzano, le forze dell'ordine si sono imbattute anche su un cantiere edile recentemente portato a termine, dove operavano ditte con diversi operai stranieri. Muratori a gettone, in alcuni casi, ed altri invece stabili che hanno avuto modo di conoscere da vicino la realta dell'area nord di Perugia.

Le indagini sulla morte di Luca Rosi, dunque, si allargano anche su questa pista del cantiere edile, ma la convinzione, dei carabinieri del comando provinciale e della Procura, girando e rigirando carte, documenti, tesimonianze ed analisi raccolte nelle tre rapine effettuate a Ramazzano, Pietramelina e Resina - in attesa anche dei dati della balistica e dei rilievi dei Ris- è che in loco c'è ancora un potenziale basista che avrebbe suggerito alla banda le case da attaccare.

Guarda il video della fiaccolata.

I carabinieri hanno ascoltato tutte le vittime per capire se nei mesi scorsi hanno appaltato lavori nelle proprie abitazioni, oppure hanno ingaggiato dei giardinieri o dei tutto fare, personale che poteva acquisire informazioni, come ad esempio: le abitudini sociali, la presenza o meno di oggetti di valore e la presenza di una cassaforte.

Difficile per il momento sapere di più dagli inquirenti: le bocche sono oltremodo cucite, al sensazione è quella che possano essere vicini a fiutare i banditi nei loro nascondigli che si potrebbero trovare dall'altra parte di quella E45 che costeggia Ramazzano: ovvero Marche ed Emilia Romagna.

Guarda anche il video delle indagini e il racconto del padre a Sky Tg24.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento