Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

La banda della droga della Valdichiana finisce in manette: boss e affiliati anche a Perugia e Passignano. Un tesoretto da 50mila euro, auto e immobili

Centinaia di clienti fedeli e con diversi prestanome italiani per nascondere ricchezze accumulate e la logistica per importare e gestire la droga

Maxi blitz della Polizia delle Questure di Siena, Perugia, Arezzo e Brescia per sgominare una delle più organizzate associazioni criminali dedite all'importazione e spaccio di droga in gran parte del centro Italia. Un clan con tanto di collaboratori sparsi sul territorio e collegamenti con la casa madre individuato in Albania. La formazione criminale è stata definita italo-albanese ed era dedida alla gestione della cocaina ed hashish. Al momento sono 8 le persone arrestate su 11 ricercati: le rispettive misure cautelari sono  6 in carcere e 5 obblighi di dimora.

Dopo diversi arresti di pusher e dopo lunghi mesi di pedinamenti, appostamenti ed attività d’intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, è stato possibile di ricostruire - da parte della Polizia - la catena logistica e di comando esistente dietro gli spacciatori a suo tempo arrestati, facendo emergere, dopo lunghe e complesse indagini, l'operatività di una vera e propria associazione per delinquere capeggiata da cittadini albanesi, da tempo stanziati nelle cittadine di Montepulciano (Si) e Passignano sul Trasimeno (Pg), collaborati da italiani ed albanesi che vivono nelle Province di Siena, Perugia e Arezzo. La banda operava soprattutto in tutta la Valdichiana con centinaia di clienti fedeli e con diversi prestanome italiani per nascondere immobili, auto e altre ricchezze accumulate e persino schede telefoniche.

I pusher venivano direttamente dall'Albania e venivano ruotati regolarmente per  sviare eventuali attività d' indagine. Secondo gli inquirenti italiani ed albanesi avevano messo in piedi "un sodalizio criminale crocevia di un florido commercio di sostanze stupefacenti esteso nei territori di ben tre province". Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati contanti per circa 50 mila euro, 150 grammi di hashish ed alcuni grammi di cocaina. Sottoposti a sequestro preventivo tre autovetture e un natante di 4 metri con motore fuoribordo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda della droga della Valdichiana finisce in manette: boss e affiliati anche a Perugia e Passignano. Un tesoretto da 50mila euro, auto e immobili
PerugiaToday è in caricamento