menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laghetto di P.di Massiano, esposto della Lav: "Anatre e altri animali alla fame: rischiano di morire"

La LAV torna a denunciare la situazione di incuria e di scarsità del cibo nei confronti delle anatre e altri uccelli presenti al Laghetto di Pian di Massiano: mangiatoie vuote 3-4 giorni su 7, sia che 
siano giorni festivi o lavorativi, sempre quando piove, mangiatoie semivuote gli altri giorni.   

"Una situazione che prima del 2012 - ha visto la morte per inedia di alcuni animali e che  non è poi degenerata grazie all’impegno costante di quei volontari che dal 2012 si occupano di integrare  a proprie spese l’insufficiente e sbagliata alimentazione. Oggi, questi volontari sono esausti, sfiniti, sia fisicamente che finanziariamente e ciò non è giusto. Questi volontari, avendo constatato le condizioni critiche degli anatidi, (il cibo veniva fornito 3 volte a settimana)  dopo essersi inutilmente rivolti  alla responsabile e ai gestori del laghetto hanno provveduto ad integrare il cibo e ad inoltrare  un esposto presso l’AUSL 2 di Perugia in data 5/11/2012". 

"La AUSL ha risposto prontamente con un sopralluogo - Graziella Crescentini Gori di Responsabile LAV Perugia -  a cui ha fatto seguito una relazione, corredata di puntuali prescrizioni fra le quali riportiamo quella riferita all’alimentazione: ”garantire agli animali una alimentazione adeguata alla specie, all’età ed in quantità sufficiente a soddisfare le loro esigenze nutrizionali” "la somministrazione  del mangime deve essere garantita giornalmente e adeguatamente protetta”

Oggi non ci rimane che fare un appello all’attuale sindaco, inoltrandogli alcune domande: sig. Sindaco,  visto che le cose non vanno bene da prima della sua elezione, la LAV le chiede: “esiste una convenzione con i gestori del Laghetto?”

“Quanto denaro pubblico  - ha concluso l'esponente Lav. -viene messo a disposizione degli stessi per l’acquisto del mangime e per la gestione degli anatidi?” “ Crede che se l’Ufficio competente fosse stato adeguatamente adempiente circa i  diritti e il benessere d megli animali, ci sarebbero state le prescrizioni della Asl? Visto che le mangiatoie sono piene (!?) o vuote senza una logica, pensa che tutti facciano il loro dovere o pensa che possa esserci, oltre il maltrattamento degli animali, un danno erariale”?   In base alla Legge spetta al sindaco la vigilanza sull’osservanza delle leggi e delle norme relative alla protezione degli animali presenti sul territorio comunale, e il maltrattamento degli animali  è riconducibile anche a sofferenze di carattere ambientale, comportamentale, etologico o logistico , comunque capaci di produrre nocumento agli animali in quanto esseri senzienti. Confidiamo in un intervento necessario e urgente del Sindaco  volto ad evitare un nostro ricorso a vie legali". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento