Carni bovine malate e contraffatte: dopo la maxi inchiesta dei Nas, in tredici rischiano il processo

Carni taroccate, bovini malati e di dubbia provenienza, con tanto di contraffazione di marchi auricolari

Carni taroccate, bovini malati e di dubbia provenienza, con tanto di contraffazione di marchi auricolari. Dopo la maxi inchiesta dei Nas del 2014 che aveva portato a galla la commercializzazione illecita di bovini infetti, con marchi auricolari contraffatti e dichiarati falsamente di razza pregiata, sono tredici le persone finite sul banco degli imputati.

Non solo la procura contesta agli imputati l’associazione per delinquere, ma a vario titolo anche il falso, frode nell’esercizio del commercio, distruzione/soppressione di atti e diffusione di una malattia da un animale. La vicenda giudiziaria che vede coinvolti nell’inchiesta allevatori, veterinari, autotrasportatori e commercianti è sbarcata in aula questa mattina, davanti al gup D’Andria. Qui la procura ha sollecitato il rinvio a giudizio per tutti i coinvolti. La prossima udienza, che potrebbe costare l'inizio del processo a carico degli imputati, è stata aggiornata a gennaio dove discuteranno le difese. 

Secondo la ricostruzione accusatoria, c'è chi avrebbe provveduto ad asportare marchi auricolari e passaporti da bovini legalmente acquistati per riutilizzarli su animali diversi e di dubbia provenienza e malati, avvalendosi della complicità di un veterinario per le false attestazioni sanitarie. Complice anche un autostraportatore che avrebbe provveduto al trasporto di bovini privi di marche auricolari e  ai quali erano state apposti quelli contraffatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una catena, quella ricostruita nel corso dell'inchiesta perchè a loro volta due commercianti e titolari di una stalla avrebbero a fornito l'utilizzo fittizio del proprio insediamento zootecnico "quale sito di provenienza degli animali malati con i marchi contraffatti e sottoposti alle compiacenti attestazioni del veterinario". Ma c'è di più perché nella richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura, la movimentazione dei animali malati avrebbe provocato anche la diffusione della "brucellosi e della tubercolosi" in alcuni allevamenti bovini. Dopo le indagini, le misure cautelari e i sequestri, la vicenda è approdata dinanzi al gup per stabilire se ci siano i presupposti per l'approfondimento del vaglio dibattimentale. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Marco Brusco e Giuseppe De Lio, Franco Libori, Marconi e Passerini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento