rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Errori medici e scorretto utilizzo di beni e denari pubblici, la Corte de conti bacchetta medici e politici

Inaugurazione dell'anno giudiziario: emesse 61 sentenze, con 36 condanne. Disposti risarcimenti per l’ammontare di 31.051.797,37 di euro

La Corte dei conti dell’Umbria ha emesso 61 sentenze, 13 ordinanze e 19 decreti. Sentenze che hanno definito giudizi di responsabilità amministrativa in 30 casi, ventiquattro quelle di rigetto e sei relative a giudizi abbreviati. Le statuizioni di condanna hanno riguardato risarcimenti disposti per l’ammontare di 31.051.797,37 di euro.

È il bilancio della Sezione umbra della Corte illustrato dal presidente Piero Carlo Floreani in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nel corso della cerimonia che si è svolta presso l’aula magna della Facoltà di Agraria a San Pietro di Perugia.

Sono state 24 le sentenze in materia di responsabilità amministrativa correlata a danni indiretti subiti dalle aziende ospedaliere locali, dalle aziende unità sanitarie locali e dalla Regione Umbria conseguenti ad errori e lesioni da attività sanitaria, con 11 risarcimenti del danno liquidati a terzi danneggiati per un importo di 2.160.428,71 di euro, otto sentenze di rigetto e cinque definite con rito abbreviato.

Il contenzioso pensionistico ha consentito la pubblicazione nell’anno 2023 di venticinque sentenze, di cui il 24 per cento in materia di pensioni civili ed il 76 per cento in materia di pensioni militari. Sette le sentenze di accoglimento, quindici di rigetto, due di cessazione della materia del contendere ed una di estinzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Errori medici e scorretto utilizzo di beni e denari pubblici, la Corte de conti bacchetta medici e politici

PerugiaToday è in caricamento