Cronaca

Il vento dell’ottimismo gonfia le vele dello sbaracco. L’iniziativa fa volgere al bello le previsioni di fine estate

Il vento dell’ottimismo gonfia le vele dello sbaracco. L’iniziativa fa volgere al bello le previsioni di fine estate. Vendite buone, presenze numerose, tempo bellissimo, clima positivo. Questo il bilancio che si può trarre dalla due giorni di super saldi. Vendite convenienti per chi acquista. Ma anche, e soprattutto, per chi vende/svende, detestando tenere in magazzino indumenti passati di moda, pagati in soldoni contanti e destinati alla vendita a peso per finire su qualche mercatino rionale.

“I soldi ci sono, ma la gente non li spende per timore di un futuro che si prospetta tutt’altro che roseo, fra covid, disoccupazione, crisi economico-politica, indecisione…”, osserva un attivo operatore commerciale dell’acropoli. Se il covid ha gettato sabbia negli ingranaggi del commercio, il colpo di coda agostano delle presenze turistiche ha invece fornito carburante alla ripresa. Mai tanti turisti italiani, visti a Perugia e dintorni. 

Un po’ per la buona novella di una pandemia sotto pieno controllo, un po’ per la scelta alternativa di chi ha rinunciato alle vacanze fuori nazione, optando per quelle fuori porta. Un turismo – sottolinea uno che se ne intende – di buon livello, non quello di chi si porta dietro il panino e la bottiglietta dell’acqua minerale. Insomma: visitatori di scarsella buona e coi cordoni aperti. Disposti, insomma, all’acquisto, dopo le ristrettezze e le restrizioni (materiali e morali) del lockdown. Anche il tempo – che statisticamente fa le bizze nella seconda giornata – ha deciso di dare una mano. Giove Pluvio ha rinviato il proprio lavoro alla giornata odierna. Ma la due giorni di bel tempo ha dato respiro alle casse esauste del commercio perugino. Deo gratias.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vento dell’ottimismo gonfia le vele dello sbaracco. L’iniziativa fa volgere al bello le previsioni di fine estate

PerugiaToday è in caricamento